• Articolo Molí del Salt, 25 settembre 2012
  • Uno studio pubblicato sul Journal of Archaeological Science

    Il riciclo risale al Paleolitico

  • Durante il Paleolitico Superiore gli strumenti di caccia e gli utensili domestici venivano riciclati. Lo dimostrano gli studi di un gruppo di ricercatori spagnoli

(Rinnovabili.it) – Sempre più spesso veniamo invitati ad evitare gli sprechi, a limitare i consumi, a dare nuova vita agli oggetti e ai materiali attraverso il riciclaggio, pratica oggi molto diffusa. Ma quando è nata l’idea di riutilizzare oggetti o materiali che erano nati per svolgere un funzione bene precisa che a fine vita vengono trasformati in altro? Studiosi dell’Università Rovira i Virgili e dell’Istituto Catalano di Paleoecologia Umana e Evoluzione sociale (IPHES) hanno scoperto tracce delle origini del riciclaggio nel Paleolitico Superiore, periodo compreso tra i 50mila e i 10mila anni fa. I ricercatori hanno trovato tracce di riciclo esaminando alcuni reperti trovati a Molí del Salt, in Terragona, Spagna.

“Per identificare il riciclo, è necessario differenziare le due fasi della sequenza di manipolazione di un oggetto: il momento prima che venga alterato e il momento dopo. I due momenti sono separati da un intervallo durante il quale il manufatto ha subito una qualche forma di alterazione. Questa è la prima volta che uno studio sistematico di questo tipo è stato eseguito”, spiega Manuel Vaquero, ricercatore presso l’Universitat Rovira i Virgili. “Abbiamo scelto questi manufatti bruciati perché possono dirci, in modo molto semplice, se sono stati modificati dopo essere stati esposti al fuoco”, ha aggiunto il ricercatore. I risultati indicano che il riciclaggio di strumenti era normale durante l’età del Paleolitico superiore. Tuttavia, l’uso di strumenti riciclati era più comune per le attività domestiche e sembra essere associato a bisogni immediati. Ciò che gli scienziati hanno capito è che gli strumenti specializzati, come quelli utilizzati per la caccia, per esempio, sono stati quasi sempre realizzati a partire da manufatti riciclati.

Il riutilizzo di risorse ha fatto sì che gli esseri umani risalenti all’età del Paleolitico superiore non abbiano avuto bisogno di spostarsi per trovare materie prime per ottenere i loro strumenti – una incombenza che li avrebbe portati lontano dal campo per troppo tempo.