• Articolo Bologna, 4 dicembre 2012
  • Nuova versione aggiornata dell'APP

    Il Rifiutologo tocca quota 2000 voci

  • Dallo stuzzicandenti al frigorifero, il Rifiutologo ci aiuta a gestire la raccolta differenziata e grazie alla collaborazione dei cittadini tocca oggi le duemila voci

(Rinnovabili.it) – Tablet e smartphone si sono trasformati in alleati per l’ambiente grazie all’applicazione per Apple e Android che guida il consumatore attraverso una corretta raccolta differenziata. Facendo tesoro delle segnalazioni dei cittadini, che possono suggerire nuove voci da inserire in catalogo il Rifiutologo, questo il nome dell’APP creata da Hera, conta ormai circa duemila voci totali e  30mila download, con una media di dieci nuove segnalazioni al giorno. Disponibile nei market, l’applicazione è stata lanciata dalla società bolognese nell’ottobre dello scorso anno. Partendo con 140 voci grazie alla collaborazione dei cittadini oggi ne conta circa duemila.

Dove devo gettare le cartucce delle caraffe filtranti? E le vecchie fotografie? E gli stuzzicadenti? Oggetti comuni nelle case degli italiani che spesso generando confusione non permettono di gestire al meglio la raccolta dei rifiuti. La risposta comunque è nell’indifferenziata.

 

Serve invece parecchia attenzione per gestire correttamente le confezioni di carta. Va infatti osservato bene se ciò che stiamo per gettare sia carta cellulosica, come quella del pane, o carta plastificata, come quella delle merendine e in caso di dubbio si consiglia sempre di chieder agli esperti o di conferire nel contenitore per l’indifferenziata in modo da non pregiudicare la fase di riciclo della carta.

Mentre i piatti comunemente chiamati di “carta” vanno puliti e conferiti nella plastica a non dare problemi sono i bicchieri di cellulosa, quelli distribuiti dai fast food ad esempio, e i vassoi della pasticceria, che possono essere gettati nella carta così come il tetrapak e i cartoni delle bevande.