• Articolo Roma, 15 novembre 2011
  • Dati rilasciati da AssoVetro

    Il vetro, riciclabile al 100% e amico dell’ambiente

  • Gli italiani preferiscono il vetro per conservare cibi e bevande. Riciclabile al 100% permette notevoli risparmi di energia ed emissioni nocive

(Rinnovabili.it) – Trasparente e resistente il vetro per gli italiani è simbolo di raffinatezza e sicurezza anche e soprattutto quando si tratta di bottiglie per la conservazione e la vendita del vino. Sono infatti 9 su 10 i consumatori italiani che preferiscono comperare vino in vetro, fiducia dimostrata anche a livello europeo dove il 79% degli intervistati ha dichiarato di scegliere il vetro per servire bevande in occasioni speciali (83% in Italia).

Oltre  a mantenere inalterato il gusto delle bevande il vetro è riciclabile al 100%, infatti 9 bottiglie su 10 messe in commercio sono di un materiale riciclato.

Continuano i numeri postivi registrati da AssoVetro – l’Associazione nazionale degli Industriali del Vetro – secondo cui il vetro sarebbe preferito dal 74% degli italiani e dal 65% degli europei quando si tratta acquistare di cibo e bevande tenendo sempre conto dell’impatto ambientale delle spese effettuate. Il vetro infatti è considerato un’importante risorsa economica, amica dell’ambiente e rispettosa delle risorse energetiche derivanti dal riciclo e dal riuso della materia. “Nel 2010 tale risparmio è quantificabile in circa 293.055 TEP (tonnellate equivalenti in petrolio), pari a circa 1.971.351 barili di petrolio. Una composizione della miscela vetrificabile con il 50% del rottame, consente un risparmio energetico di oltre il 13% dell’energia necessaria per fondere le materie prime corrispondenti” si legge nel comunicato stampa diffuso dall’Associazione. Risparmiando energia la conseguenza diretta è l’evitato rilacio in atmosfera di inquinanti nell’ordine di “circa 1.931.583 tonnellate di CO2 equivalente/anno, corrispondenti a quelle derivanti dalla circolazione, per un anno, di circa 1.073.102 autovetture Euro4 di piccola cilindrata (con una percorrenza media di 15.000 Km)”.