• Articolo Nuova Delhi, 4 dicembre 2018
  • India: Nuova Delhi multata per troppo smog

  • Il National Green Tribunal condanna l’amministrazione della capitale indiana a pagare una multa di 3,5 miliardi di dollari per non aver applicato le regole per la riduzione dello smog

smog-nuova-delhi-ngt

 

Circa 1,1 milioni di indiani muoiono prematuramente ogni anno a causa dello smog

(Rinnovabili.it) – Una multa di 3,5 milioni di dollari per non aver applicato le regole per la riduzione dello smog a Nuova Delhi. Il duro colpo inferto all’amministrazione della capitale indiana, considerata una delle città più inquinate del mondo, arriva dal National Green Tribunal dopo che è emerso che alcune industrie inquinanti stavano ancora bruciando rifiuti nocivi a cielo aperto. Il tribunale, un organismo nazionale incaricato di governare sulle questioni ambientali, aveva recepito un appello dei residenti, che si lamentavano per gli incendi di rifiuti messi in atto da alcune fabbriche. Nemmeno un mese fa, l’agenzia di monitoraggio indiana aveva riferito valori di particolato schizzati alle stelle, una situazione che purtroppo tende a peggiorare durante l’inverno, periodo in cui la città viene soffocata dalla foschia che quest’anno ha fatto superare di oltre 30 volte i livelli di inquinanti presenti nell’aria.

 

>>Leggi anche Nuova Delhi coperta dallo smog: PM2.5 24 volte superiore alla norma<<

 

Circa 1,1 milioni di indiani muoiono prematuramente ogni anno a causa dello smog. Stando a quanto riportato sul sito web dell’ambasciata americana a Nuova Delhi, questa settimana il livello di particelle nocive presenti nell’aria ha raggiunto quota 290, superando di 12 volte i limiti di sicurezza stabiliti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. L’amministrazione della capitale indiana si difende, dichiarando di aver stoppato l’attività delle centrali elettriche e bandito la circolazione dei camion pesanti nella città nel tentativo di frenare lo smog, e accusando gli altri stati di non fare la loro parte. In particolare, Nuova Delhi punta il dito sui vicini Punjab e Haryana, incolpati di abusare della pratica di incendiare i residui colturali nei campi (addebbiatura) per la fertilizzazione del terreno, tipica di questo periodo dell’anno. Secondo l’amministrazione capitolina, il fumo acre di questi incendi viaggerebbe verso Est, quindi verso Delhi, e, mescolandosi alle sostanze inquinanti delle automobili, delle fabbriche e dei cantieri di città, creerebbe un cocktail di smog letale e persistente.

 

Nuova Delhi figura tra le 14 città indiane presenti nell’elenco delle 20 più inquinate del mondo, stilato quest’anno dall’OMS. Il territorio di Delhi non è il primo a essere multato dal National Green Tribunal. Già era successo al Bengala Occidentale che, per non aver fatto nulla per combattere lo smog, è stato costretto a pagare una multa di 700.000 dollari.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *