• Articolo Incheon, 15 dicembre 2015
  • L’istituzione creata dall’ONU in crisi di credibilità

    L’industria del carbone fa affari con il Fondo per il clima?

  • Alla COP 21 si è discusso molto dei finanziamenti sul clima per i Paesi poveri. Ma un meccanismo perverso li trasforma nel paradiso del carbone

L’industria del carbone fa affari con il Fondo per il clima 3

 

(Rinnovabili.it) – Volendo dirlo brutalmente, al centro dell’accordo sul clima approvato nel contesto della COP 21 ci sono i soldi. Malgrado le dichiarazioni di intenti e le molte parole spese, il negoziato è stato sostanzialmente una questione di denaro. Quello che i Paesi poveri vorrebbero vedersi accreditare per progetti di mitigazione e adattamento al cambiamento climatico e quelli (molti meno) che le grandi potenze – responsabili di quegli effetti catastrofici – sono intenzionate a sborsare. In mezzo a questa matassa c’è il Green Climate Fund (GCF), il fondo verde per il clima creato dall’ONU che dovrebbe accogliere buona parte dei finanziamenti e poi assegnarli ai progetti nei Paesi in via di sviluppo.

Per fare ciò ha bisogno di partner accreditati, istituti di credito che facciano da mediatori. Per accedere ai fondi, essi dovrebbero garantire alcuni requisiti fondamentali: la trasparenza e la propensione agli investimenti sostenibili. Peccato che le cose stiano in modo un po’ diverso.

 

Le cattive compagnie del GCF

L’industria del carbone fa affari con il Fondo per il clima 2Ad oggi, 20 istituti sono accreditati presso il GCF, 60 hanno presentato richiesta per entrare nel club e altri 29 sono al vaglio del Consiglio del Fondo. Tuttavia, la credibilità dell’istituzione è minata dopo che ha accettato di valutare l’ingresso di alcune banche commerciali molto lontane dalle istanze ambientali a causa dei loro corposi investimenti nel carbone e nel petrolio. È il caso di Deutsche Bank, HSBC e Crédit Agricole. In occasione della COP 21, un gruppo di ONG ha presentato la pagella ai cattivi ragazzi della finanza che in Ue e USA non danno segno di voler dismettere i loro investimenti in asset pericolosi per il clima.

Per contro, alle piccole banche con sede nei piccoli Stati insulari (i più colpiti dal cambiamento climatico) o in Africa, è stata chiusa la porta in faccia. Gli è stata contestata la mancanza di competenze ambientali o l’assenza delle strutture di governance necessarie a ottenere l’accreditamento presso il Green Climate Fund, che dimostra come questi requisiti siano cuciti su misura per i grossi player.

 

Un Fondo per il clima che finanzia il carbone

Un altro problema è che il Fondo verde per il clima, attualmente, non ha una clausola che escluda specificamente il finanziamento dei cosiddetti progetti di “carbone pulito“. Questo potrebbe lasciare la porta aperta all’utilizzo del GCF per finanziare impianti con sistemi sperimentali di cattura del carbonio nel Sud del mondo. In pratica, la scusa del riscaldamento globale potrebbe divenire un’opportunità per l’industria del carbone per trasformare le nazioni più a rischio in laboratori a cielo aperto di tecnologie i cui benefici sono inferiori ai costi (ambientali ed economici). Il tutto coperto dalle Nazioni Unite tramite il Fondo per il clima.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *