• Articolo Boulder, 16 febbraio 2018
  • La ricerca dell'Università di Boulder

    L’inquinamento atmosferico è anche colpa del tuo profumo

  • I detergenti per la casa, le vernici e i profumi sono oggi fonti di inquinamento atmosferico sempre più importanti, ma soprattutto non regolamentate

inquinamento atmosferico

 

Detergenti e profumi importanti fonti di inquinamento atmosferico

 

(Rinnovabili.it) – I detergenti per la casa, le vernici e i profumi sono oggi fonti di inquinamento atmosferico sempre più importanti. Mentre aumentano i controlli sugli scarichi dei veicoli, l’emissione di composti organici volatili generata da cosmetici, vernici o pesticidi non sono regolamentate. Una nuova ricerca guidata dall’Università di Boulder, in Colorado, ha notato che questi composti presenti nelle strade di Los Angeles avevano diversa provenienza. Se una parte era da imputare alla combustione di benzina, un’altra proveniva da prodotti industriali e domestici derivanti dalla raffinazione di prodotti petroliferi.

I composti organici volatili danno un importante contributo all’inquinamento atmosferico, perché quando si diffondono in atmosfera reagiscono con altre sostanze chimiche arrivando a produrre ozono o le polveri sottili note come PM2.5. L’ozono a livello del suolo può causare problemi respiratori, mentre le microparticelle sono all’origine di malattie cardiache e polmonari.

 

>> Leggi anche: La Germania propone mezzi pubblici gratis nelle città inquinate <<

 

Anche in Europa, sebbene l’inquinamento atmosferico sia dovuto principalmente alle emissioni dei veicoli diesel, lo studio evidenzia una importante fonte contaminazione scarsamente spiegabile e attualmente non regolamentata.

“Si tratta di tutte quelle bottiglie e contenitori che teniamo sotto il lavandino – ha dichiarato Joost de Gouw, autore dello studio – cioè detergenti, prodotti personali, vernici e colle”.

Pubblicato sulla rivista Science, il paper di De Gouw e altri sostiene che la quantità di composti organici volatili emessi dai prodotti domestici e industriali è 2-3 volte superiore a quanto suggeriscono le stime ufficiali negli USA.

“Quando pensiamo alla quantità di questi prodotti che usiamo nella vita quotidiana, non ci sembra paragonabile ai litri di benzina nel serbatoio della nostra auto. Ma per ogni chilogrammo di combustibile che viene bruciato, solo un grammo finisce nell’aria. Al contrario, in questi prodotti domestici e per la cura personale, alcuni composti evaporano quasi completamente”.

Un Commento

  1. Alice Pellegrini
    Posted giugno 15, 2018 at 6:59 pm

    Non è che i profumi inquinano più delle macchine

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *