• Articolo Londra , 24 luglio 2012
  • Un nuovo fondo governativo

    L’Uk investe 56 mln nelle tecnologie low carbon per la mobilità

  • Grazie ad un nuovo fondo il governo britannico sosterrà 17 progetti di ricerca incentrati sullo sviluppo di nuove tecnologie low carbon destinate alla mobilità a basso impatto ambientale

(Rinnovabili.it) – L’impegno del Regno Unito in favore della diffusione della mobilità sostenibile si sta concretizzando grazie ad un nuovo fondo investimenti per il settore pubblico e privato da 56 milioni di sterline che sarà di stimolo all’accelerazione della commercializzazione delle tecnologie low carbon.

Oltre 27 milioni di finanziamenti pubblici, insieme ai 29 milioni di sterline del settore privato, saranno investiti in 17 progetti di ricerca e sviluppo portati avanti da case automobilistiche come Ford, Jaguar, Land Rover e Nissan, secondo quanto dichiarato dal Technology Strategy Board in un comunicato. “Accelerare la commercializzazione di tecnologie low-carbon per i veicoli contribuirà al raggiungimento degli impegnativi obiettivi relativi ai cambiamenti climatici, nonché alla creazione di nuovi posti di lavoro, e ad aumentare le opportunità per le imprese britanniche sulla scena mondiale”, ha detto il ministro dei Trasporti Norman Baker.

Le emissioni del settore dei trasporti su strada sono in rapida crescita, tra il 1990 e il 2008 gli inquinanti del settore hanno fatto registrare un aumento del 26 per cento, secondo dati della Commissione dell’Unione europea. Per questo attualmente le case automobilistiche sono sempre più sotto pressione per ridurre il loro impatto e riuscire così a soddisfare le normative Ue e non incorrere così in sanzioni pecuniarie in caso di mancato allineamento con la normativa anti CO2, che l’Europa ha presentato nella sua nuova e più rigida versione proprio all’inizio del mese.