• Articolo Bruxelles, 9 ottobre 2015
  • Rigettata anche la proposta annacquata delle Commissione europea

    Italia ipocrita: no ai nuovi test per le emissioni delle auto diesel

  • Il governo italiano, insieme a quello tedesco, spagnolo e austriaco, sta tentando di impedire l’entrata in vigore dei nuovi test per i motori diesel

Italia ipocrita no ai nuovi test per le emissioni delle auto diesel

 

(Rinnovabili.it) –  C’è anche l’Italia fra gli Stati membri dell’Unione europea che tentano di frenare l’entrata in vigore di nuovi e più stringenti standard per le emissioni dei veicoli diesel. Lo scandalo Volkswagen ha messo le ali ai piedi della Commissione europea, che ha accelerato le tappe per l’aggiornamento dei test ambientali per le automobili. La proposta, seppure molto annacquata dalla pressione dei governi e delle lobbies dell’industria (Rinnovabili ne ha parlato qui), dà fastidio al nostro Paese, così come a Germania, Austria, Spagna e altri Stati dell’Est Europa.

Bruxelles ha chiesto agli esecutivi di inviare una posizione scritta entro la fine della prossima settimana, dopo che recentemente una valanga di sdegno internazionale ha travolto la Volkswagen, sollevando serie preoccupazioni circa i meccanismi di controllo del settore.

 

Al di là delle dichiarazioni pubbliche, però, la maggior parte dei Paesi Ue sono contro l’adozione dei nuovi limiti all’inquinamento dei motori diesel. La Commissione europea ritiene la sua proposta «audace e realistica», dicendo che prende in considerazione l’impatto delle nuove soglie sul settore automotive e sui proprietari di veicoli più datati. Secondo la proposta dell’esecutivo comunitario, i produttori di automobili dovranno iniziare a misurare i livelli di ossidi di azoto (NOx) conducendo test su strada in parallelo a quelli di laboratorio, aggirati dagli ingegneri Volkswagen. I limiti da non superare nelle prove sul campo saranno gli stessi: 80 mg/km. Questo nuovo protocollo diverrebbe obbligatorio per tutti i nuovi veicoli a partire dal settembre 2017. Ma contrariamente ad una prima proposta fatta nel 2012, la Commissione ha ora intenzione di concedere uno sforamento fino al 60% dei limiti per i primi due anni (fino al settembre 2019 ), così da agevolare l’attuazione delle nuove norme.

 

Italia ipocrita no ai nuovi test per le emissioni delle auto diesel 3

 

Non si tratta dunque di una rivoluzione: per 4 anni ancora le case automobilistiche potranno infrangere le regole senza pericolo nell’Unione europea, con il beneplacito di Bruxelles addirittura messo per iscritto. Tuttavia, alcuni governi nazionali troveranno «difficile» accettare la proposta, ammettono i funzionari  della Commissione ad Euractiv, dal momento che le emissioni possono aumentare fino al 400% quando l’auto viene messa su strada. Sono proprio i Paesi con un forte settore automobilistico ad opporsi alle nuove regole. Chiedono invece che venga legalizzato un margine del 330%. Tra essi, soltanto la Francia sembra non essersi pronunciata, forse per non attirarsi gli strali internazionali dal momento che Parigi ospiterà la prossima Conferenza ONU sul clima.

L’esecutivo Ue sta cercando di ottenere il sostegno degli scettici per raggiungere la maggioranza qualificata in seno al Technical Committee for Motor Vehicles, oscuro gruppo composto da esperti nazionali, i cui membri non sono indicati in modo trasparente. Tuttavia, Bruxelles non sembra voler continuare le discussioni durante la prossima riunione, prevista per la fine di ottobre, e sembra pronta a forzare un voto. Se venisse a mancare il sostegno necessario, il dossier lascerà le segrete stanze della commissione tecnica per i veicoli a motore finendo sul tavolo del Consiglio dei ministri dell’Unione europea, un fatto che potrebbe contribuire ad esporre le posizioni degli Stati membri, rendendo il dibattito più trasparente.

5 Commenti

  1. Fabio
    Posted ottobre 21, 2015 at 9:59 pm

    Già ci stiamo “assorbendo” indegnamente emissioni ben superiori a quelle dichiarate da parte di una serie di fabbriche automobilistiche tedesche. Già ci troviamo davanti ad un governicchio che resta quasi inerte sul fronte di sanzioni da comminare alle succitate (di fatto, il popolo italiano “gode” di inquinamenti dell’aria oltre i limiti stabiliti per la circolazione di auto non rispettose degli stessi!). In più, piuttosto che inasprire i controlli e renderli effettivamente efficaci, veniamo a sapere che questo governicchio intende opporsi a nuove regole sulle emissioni dei motori diesel. Che buffi questi governanti, che avrebbero proprio bisogno di “governanti” (badanti) per operare per il bene dei governati!

  2. attikus
    Posted ottobre 30, 2015 at 2:36 pm

    L’atteggiamento ipocrita del governo italiano non mi sorprende: è solo l’ennesima dimosreazione che i ministri dell’industria e dell’ambiente (non a caso scritti in minuscolo!) sono solo marionette agli ordini di squinzi e dei suoi compagni di merende

  3. stanco
    Posted ottobre 30, 2015 at 10:15 pm

    Come al solito i “nostri politicanti incapaci” non fanno un’affronto alla germania disfattista (vedasi i casi degli ultimi anni senza tornare troppo indietro). Abbiamo troppe leggi inapplicate, basta applicare seriamente quelle e molte auto non potrebbero essere commercializzate in Italia. Sappiamo benissimo che in EU che decide e’ una tedesca dell’Est………..pertanto !!!!!!!!

  4. Federico
    Posted novembre 3, 2015 at 2:27 pm

    Vorrei sapere quanti soldi si sono presi i politici per prendere questa posizine.A pensare male degli altri si fa peccato, ma spesso si indovina (G.Andreotti)

  5. Stefano
    Posted novembre 6, 2015 at 2:09 pm

    Già, tutto vero, tutto perfetto, tutti cambiamo auto.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *