• Articolo Roma, 21 dicembre 2012
  • Un accordo per il bene dell'ambiente

    Italo, Eataly e Minambiente firmano per ridurre la CO2

  • Impegnarsi nella riduzione dell’impatto idrico e ambientale delle società aiuterà la lotta contro il cambiamento climatico rendendo il made in Italy ancora più green

(Rinnovabili.it) – Anche il made in Italy si sta impegnando a salvaguardare l’ambiente. Per questo Eataly e Italo hanno firmato con il Ministero dell’Ambiente un accordo volontario di valutazione dell’impronta ambientale.

Aderendo al programma del Minambiente le due aziende, una del settore alimentare e una dei trasporti, si stanno impegnando per ridurre le proprie emissioni inquinanti e andare incontro alle esigenze ambientali. Valutando quanta CO2 si produce si riuscirà a ridurla senza compromettere la qualità dei servizi offerti ma dando un importante contributo alla lotta al cambiamento climatico.

Eataly Real Estate si impegna in particolar modo a garantire la registrazione dell’impatto ambientale e idrico del centro che verrà costruito a Torino mentre per il settore trasporti verrà tenuta sotto osservazione la tratta Roma Torino percorsa da Italo.

Il Ministro Corrado Clini, salutando con soddisfazione l’adesione di Eataly e Italo al programma del Ministero, ha dichiarato: “Il nostro impegno è valorizzare le eccellenze italiane che adottano politiche economiche di sviluppo sostenibile e che puntano al miglioramento della qualità ambientale tramite la riorganizzazione della filiera produttiva e del lavoro. L’obiettivo – ha concluso – è fare della sostenibilità ambientale dei prodotti, dei servizi e dei processi produttivi, uno strumento forte di competitività delle imprese”.

 

Oscar Farinetti ha sottolineato l’impegno di Eataly a favore della sostenibilità: “Eataly costruirà a Torino un grande luogo ‘di rispetto’, si chiamerà Green Retail Park. […]  Al suo interno saranno messi in vendita solo prodotti no food ‘di rispetto’: abbigliamento, calzature ‘verdi’ mobili prodotti con materiali naturali e riciclati, veicoli elettrici e non inquinanti. Oltre ad un luogo dove si offrirà consulenza per diminuire i consumi elettrici in casa, accogliendo clienti che hanno senso del rispetto”.

 

“La tutela dell’ambiente, uno sviluppo economico attento al benessere sociale e la cultura della solidarietà – ha spiegato Giuseppe Sciarrone, amministratore delegato di Ntv – sono scolpiti nel Dna di Ntv che in coerenza con la sua natura ha scelto un treno di nuova concezione, innovativo e sostenibile. Italo è costruito con il 98% di materiali riciclabili e il suo peso ridotto (circa 70 tonnellate) permette di utilizzare il 15% di energia in meno per passeggero rispetto a un treno tradizionale. Ciò significa un risparmio energetico annuale di circa 650.000 kWh su un percorso di 500.000 km, con conseguente riduzione nelle emissioni di gas serra”.