• Articolo Milano, 14 dicembre 2012
  • Presentato il progetto “Gestire”

    La biodiversità lombarda ha un alleato in più

  • Salvemini: “i nostri parchi e le nostre aree offrono numerose possibilità di sviluppare altre forme sociali di economia”

(Rinnovabili.it) – Creare una strategia regionale per la gestione dei siti della rete Natura 2000. Questo l’obiettivo di “Gestire”, il nuovo progetto avviato dall’amministrazione regionale per difendere la propria biodiversità territoriale. L’iniziativa, cofinanziata dalla Commissione europea è stata presentata questa mattina dall’assessore regionale all’Ambiente, Sistemi verdi e Paesaggio Leonardo Salvemini, alla presenza dei rappresentanti dei principali partner, vale a dire il Centro turistico studentesco giovanile, la Lega italiana per la protezione degli uccelli onlus e Fondazione Cariplo. A regime “Gestire” definirà la politica di protezione e tutela delle ben 241 aree verdi  del network – 194 Siti di importanza comunitaria e 67 zone di protezione speciale per l’avifauna), che si estendono su circa il 15 per cento della regione.

 

“Serve un cambio di mentalità – ha spiegato Salvemini – bisogna abbandonare l’approccio conservativo al verde, per adottarne uno che miri alla programmazione e alla gestione delle biodiversità”, ritenute dall’assessore una forma vera e propria di sviluppo sostenibile “per noi e per le generazioni future”.  “Il fatto che la Commissione europea abbia deciso di finanziare proprio questo progetto – ha continuato Salvemini – è di grande importanza. E dunque è fondamentale che tutti i soggetti coinvolti facciano fronte comune e uniscano le forze, a maggio ragione perché, quando il pubblico integra, anche i privati si fidano e ci mettono del proprio”.