• Articolo Bucarest, 19 dicembre 2011
  • Il centro rumeno sarà un punto di riferimento per tutto il Sud-Est europeo

    La EBDR e il riciclaggio rumeno

  • Arriva dalla banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo il finanziamento di 6,8 milioni di dollari per rinnovare i servizi di riciclaggio in Romania

(Rinnovabili.it) – Da oggi riciclare materiali in Romania sarà più semplice grazie all’intervento della European Bank for Reconstruction and Development (EBDR), che ha finanziato ben 6,8 milioni di euro al Green Group, il primo parco di riciclaggio integrato che sarà stanziato nel Paese e che si occuperà della raccolta e del riciclo di plastica, rifiuti elettrici ed elettronici. Si tratta di un progetto che introdurrà per la prima volta in Romania un’infrastruttura nazionale per la raccolta di materiale da riciclare, che opererà in diretto contatto con l’utente finale: in prossimità di grandi supermercati, infatti, saranno piazzate macchine speciali che avranno il compito di recuperare bottiglie di plastica, batterie, lampade e imballaggi di vetro. Grazie a questo finanziamento, Green Group aspira a diventare il centro di riciclaggio leader nella regione sud-orientale dell’Europa. Il Direttore della EBDR per la Romania, Claudia Pendred, parla di un progetto con un approccio innovativo e moderno. “Oltre a dimostrare la fattibilità del riciclaggio nel Paese – ha detto la Pendred – Green Group fisserà standard ambientali più elevati e aiuterà la Romania ad aumentare la raccolta dei rifiuti e le quote di riciclaggio, così come richiesto dall’Unione Europea”. La EBRD sta finanziando il progetto insieme al South East Europe Fund (SEEF) del Global Finance, partner del Green Group.