• Articolo Tegucigalpa, 7 marzo 2013
  • Un progetto che necessita della collaborazione della popolazione

    L’Honduras aumenta la protezione boschiva

  • Grazie ad una maggiore attenzione e ad una campagna informativa mirata, l’Honduras spera di ridurre i danni che gli incendi causano alle foreste e ai pascoli nazionali

(Rinnovabili.it) – Le Autorità della Commissione Nazionale di Protezione Forestale Conaprofor) dell’Honduras hanno iniziato una campagna di tutela delle foreste per limitare gli incendi e diminuire gli ingenti danni al patrimonio boschivo nazionale, che determinano altissimi costi economici e ambientali. Secondo quanto riportato dall’Istituto durante lo scorso anno gli incendi hanno danneggiato oltre tremila ettari di foresta.

Il presidente del Conaprofor, Antonio Galdámez, ha spiegato che “ci sono 120 incendi di zacateras (terreni erbosi e pascoli) e 32 nelle foreste, con una superficie di coinvolgimento di 521 ettari a livello nazionale”.

Le statistiche dimostrano che, in media, ogni anno si verificano circa 1.500 incendi  che coinvolgono da 50.000 a 65.000 ettari, il che significa grandi perdite di biodiversità e di risorse economiche, come è stato specificato dal vice ministro dell’Istituto per la Conservazione Forestale (ICF).

 

Nel 2012 ci sono stati 397 incendi, principalmente causati da azioni umane. Questi eventi hanno portato alla combustione di 24.038 ettari di boschi, ognuno con perdite economiche e di biodiversità ingenti.

Secondo Galdámez per ottenere buoni risultati sarà essenziale la collaborazione della popolazione e dell’ICF che sta finanziando il progetto con circa 50mila dollari oltre che delle forze Armate, che stanno contribuendo con 3,5 milioni di dollari.

Oltre al disastro ambientale, ha specificato l’Istituto, i danni causati dagli incendi si ripercuotono anche sulla salute umana modificando la qualità dell’aria, dell’acqua, cambiando la frequenza di frane e valanghe e aumentando la percentuale di inquinanti che contribuiscono al riscaldamento globale.