• Articolo Londra, 31 ottobre 2012
  • Il DECC mete a disposizione un miliardo di sterline

    Uk: via libera alla seconda fase della CCS Competition

  • Durante la seconda fase del progetto la Commissione dovrà valutare entro l’anno il progetto di Carbon Capture and Storage migliore tra i 4 rimasti il lizza

(Rinnovabili.it) – La Carbon Capture and Storage competition nella sua seconda fase si troverà a dover esaminare ben 4 proposte concorrenti che si stanno contendendo un finanziamento del valore di un miliardo di sterline.

Il Regno Unito è infatti al momento impegnato a sostenere lo sviluppo della tecnologia CCS che potrebbe, se adeguatamente sfruttata, aiutare la rimozione e lo stoccaggio dell’anidride carbonica prodotta dai processi industriali, dalle centrali a gas e da quelle alimentate a carbone.

Partendo da 8 candidati la selezione ha scelto quelli che sono i 4 progetti migliori secondo i criteri di concretizzazione del progetto e valutando, oltre all’efficienza, anche il rapporto qualità prezzo.

 

“I progetti che abbiamo scelto di portare avanti hanno dimostrato di avere il potenziale per dare inizio alla creazione di una nuova industria CCS nel Regno Unito, ma sono necessarie ulteriori discussioni per assicurarci di offrire un buon rapporto qualità-prezzo ai contribuenti“ ha affermato il Segretario di Stato all’Energia e al Cambiamento Climatico, Edward Davey.


I quattro progetti selezionati descrivono ognuno una diversa modalità di cattura, trasporto e stoccaggio della CO2:

 

  • il Captain Clean Energy Project consiste in un progetto di Integrated Gasification Combined Cycle  da 570 MW di capacità da realizzare a Grangemouth (Scozia), in grado di abbattere completamente l’impatto del ciclo integrato combinato di gassificazione del carbone (in fase di pre-combustione) con lo stoccaggio della CO2 in giacimenti off-shore esauriti. Guidato da Power Summit, il progetto coinvolge Petrofac (CO2 Deepstore), National Grid e Siemens.

 

  • Peterhead: Shell e SSE hanno proposto un sistema da 340 MW per la cattura post-combustione adattato ad una già esistente centrale da 1.180 MW  localizzata a Peterhead, in Scozia, e collegato ad una turbina a gas a ciclo combinato.

 

  • Il progetto a basse emissioni di carbonio Teesside: un progetto di gassificazione del carbone in fase di  pre-combustione a Teesside, nel Nord Est dell’Inghilterra, con successivo stoccaggio in giacimento petrolifero esaurito e acquifero salino. Ad occuparsi del progetto un consorzio guidato da Energy Progressive che coinvolge GDF SUEZ, Premier Oil, e BOC.

 

  • Progetto White Rose:  si tratta di un progetto di cattura Oxyfuel collegato ad una  centrale elettrica supercritica alimentata a carbone da 304 MW di potenza nel sito di Drax nel North Yorkshire, progetto guidato da Alstom, Drax, BOC e National Grid.