• Articolo Nairobi, 16 novembre 2011
  • In attesa della COP17

    L’ONU e gli elementi chiave per la difesa del clima

  • La prossima settimana il Programma Ambientale delle Nazioni Unite prevede di lanciare tre importanti rapporti sui cambiamenti climatici e sulle misure necessarie per rimediare al processo di riscaldamento globale

(Rinnovabili.it) – In concomitanza con la conferenza sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite (COP17) che si terrà a Durban, in Sud Africa, dal 28 novembre al 9 dicembre 2011, il Programma ambientale delle Nazioni Unite (UNEP) lancerà tre importanti rapporti sui cambiamenti climatici. Il primo rapporto, che verrà reso noto a Bali in Indonesia il 21 novembre, esaminerà in dettaglio l’impatto dell’impiego degli idrofluorocarburi (HCF) sul clima. Nel rapporto si analizzano soluzioni ozono-friendly alternative agli HFC, nonché la promozione di progetti edili che evitino l’impiego dei condizionatori. Nel secondo documento, che verrà lanciato a Londra il prossimo 23 novembre nella sede della Royal Society, viene affrontata invece la questione del gap da colmare tra gli impegni presi dalle nazioni a proposito della riduzione delle emissioni di gas serra e le effettive riduzioni necessarie per mantenere costante l’aumento della temperatura globale sotto i 2 gradi centigradi. Il documento, redatto grazie alle ricerche di 55 scienziati appartenenti a 28 gruppo scientifici, fa seguito allo studio del 2010 elemento chiave dei negoziati sul clima di Cancun. L’ultimo rapporto, che verrà presentato il 25 novembre sempre a Londra, descrive le misure necessarie per una significativa riduzione del riscaldamento globale, in modo tale da minimizzare i danni creati da carbonio e metano, e sostanze nocivi simili, alla troposfera, ottenendo al tempo stesso una diminuzione dei consumi e dell’uso di gas recuperato.