• Articolo Amsterdam, 4 ottobre 2019
  • Le microplastiche possono danneggiare la salute umana

  • Un nuovo studio indaga la risposta del sistema immunitario degli essere umani alla presenza di minuscole particelle plastiche

microplastiche salute

Credit: Oregon State University – (CC BY-SA 2.0)

 

 

(Rinnovabili.it) – Le microplastiche possono danneggiare la salute accelerando la morte cellulare. A sostenerlo è la nuova ricerca dell’University Medical Center (UMC) di Utrecht, presenta in questi giorni al Plastic Health Summit di Amsterdam. La scienziata Nienke Vrisekoop ha indagato la risposta del sistema immunitario umano al piccolo inquinante che si è già fatto strada nel cibo, nell’acqua potabile e nell’aria che respiriamo. Come spiega la nota stampa dell’UMC, quando batteri o virus estranei contagiano il nostro corpo, il sistema immunitario invia cellule difensive che possiedono hanno un’intera scatola di trucchi con cui cercano di disinnescare l’intruso. Di solito con successo. “Quello che ci siamo chiesti è cosa farebbero queste cellule se l’intruso non fosse un batterio, ma una micro particella di plastica”, ha affermato Vrisekoop. Per questo motivo assieme al professor Leo Koenderman e il ricercatore Giulio Giustarini, la scienziata ha cercato di testare la possibile risposta.

 

>>leggi anche Microplastiche nel sale: più diffuse di quanto si creda<<

 

Lo studio ha impiegato microplastiche di varie dimensioni rivestite da plasma e non, ponendole in una piastre di coltura assieme a cellule immunitarie umane, in condizioni di laboratorio.

Si è cosi potuto osservare che le micro particelle pulite, ossia senza rivestimento, vengono ignorate. “Sembra che non siano riconosciute come un intruso”, spiega Vrisekoop. Tuttavia, succede qualcosa di diverso con le microplastiche da 10 micrometri rivestite (qualsiasi sostanza presente nell’ambiente e all’interno del corpo potrebbe legarsi alle particelle e fungere da rivestimento). Le cellule immunitarie le hanno raggiunte, incapsulate come fanno con i batteri e sono morte poco dopo. Per la precisione, ad una velocità di gran lunga superiore a quella mostrata con la maggior parte dei batteri o dei corpi estranei. “Le conseguenze di ciò sono sconosciute – aggiunge Vrisekoop – Sono necessarie ulteriori ricerche” ma “posso immaginare che ciò causi una risposta infiammatoria”.

 

Le particelle di plastica più piccole di 10 micrometri, hanno un effetto diverso: vengono incapsulate e le cellule immunitarie restano incolumi. “Ciò può sembrare meno grave a prima vista, ma non è ancora chiaro cosa accadrà a lungo termine, dal momento che queste particelle non possono essere degradate dalle cellule immunitarie e rischiano quindi accumularsi nel corpo”.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *