• Articolo Modena, 11 dicembre 2012
  • Nuovo tassello per il progetto di Carbon Footprint del Minambiente

    Nel cuore della Motor Valley il primo autodromo green

  • L’Autodromo di Modena firma l’accordo con il Ministero dell’Ambiente e si impegna a ridurre le emissioni legate alla gestione della struttura

(Rinnovabili.it) – Sarà l’autodromo di Modena l’impianto sportivo per gare motoristiche più verde d’Italia. A renderlo tale il progetto di analisi e compensazione delle emissioni avviato grazie all’intesa firmata con il dicastero dell’Ambiente. Il ministro Corrado Clini e Angelo Borghi, A. D. di Vintage SpAModena, hanno siglato in questi giorni un accordo volontario finalizzato all’analisi, riduzione e neutralizzazione dell’impatto sul clima derivante dalle procedure di gestione dell’Autodromo.

 

“L’intesa – spiega Borghi – ha l’obiettivo di creare le condizioni migliori per valorizzare il nostro impegno nel ridurre al minimo i fattori di stress per l’ambiente. Sin dal momento in cui ci siamo insediati in questo territorio, abbiamo impiegato energie e risorse per monitorare e limitare le emissioni in atmosfera, gli scarichi, la produzione di rifiuti, il consumo di materie prime”.

 

L’iniziativa,  che si inserisce nel progetto di Carbon Footprint avviato dal Minambiente, favorirà la sperimentazione e la messa a punto di metodologie ed esperienze replicabili, identificando le tecnologie e le best practices a basso contenuto di carbonio per la riduzione della CO2 della struttura. “Con questo accordo intendiamo rafforzare la nostra politica ambientale riguardo alla problematica del cambiamento climatico – spiega Borghi – aderendo ad iniziative ed impegni volontari che si pongano in linea con le politiche governative nell’ambito del Protocollo di Kyoto e del Pacchetto Clima-Energia dell’Unione Europea”.