• Articolo Bruxelles, 30 aprile 2019
  • Metà dei Paesi Ue non ha programmi per limitare l’inquinamento atmosferico

  • La denuncia dello European Environmental Bureau: 15 Stati membri non ha rispettato la scadenza di fine aprile per presentare i piani d’azione per il miglioramento della qualità dell’aria.

inquinamento atmosferico ueAnche l’Italia tra i 13 Paesi che hanno inviato i “Programmi nazionali per il controllo dell’inquinamento atmosferico”

 

(Rinnovabili.it) – Oltre la metà dei Paesi membri dell’Unione europea non ha presentato il proprio piano per combattere l’inquinamento atmosferico: entro il 30 aprile, i Governi nazionali avrebbero dovuto inviare ai commissari europei un programma dettagliato di misure per migliorare la qualità dell’aria e limitare l’immissione di agenti inquinanti nell’atmosfera, ma solo 13 dei 28 Stati Ue hanno rispettato la scadenza.

A segnalare il ritardo è lo European Environmental Bureau, uno delle più estese reti di associazioni ambientaliste del vecchio continente, con circa 150 organizzazioni membri in oltre 30 nazioni.

 

I Paesi comunitari che ancora non hanno presentato i propri “Programmi nazionali per il controllo dell’inquinamento atmosferico” sono: Austria, Bulgaria, Cipro, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Lituania, Malta, Polonia, Romania, Slovacchia, Slovenia e Spagna. Già lo scorso anno, Francia, Germania e Spagna sono state richiamate dalla Corte di Giustizia Europea per i ritardi sul fronte del taglio delle emissioni rispetto agli obiettivi di qualità dell’aria dell’Ue.

 

>>Leggi anche L’inquinamento atmosferico riduce di 20 mesi l’aspettativa di vita dei bambini<<

 

I “Programmi nazionali per il controllo dell’inquinamento atmosferico” dovrebbero contenere in dettaglio tutte le misure che i rispettivi governi intendono attuare per ridurre le emissioni inquinanti in settori chiave come quello dei trasporti, dell’industria e in campo agricolo.

 

La scadenza originaria per la presentazione dei programmi era fissata al 1 Aprile, ma solo 4 Paesi Ue sono riusciti a rispettarla. A fine mese risultano caricati sul sito della European Environment Agency i Programmi di Finlandia, Estonia, Regno Unito, Belgio, Svezia, Italia, Danimarca, Portogallo, Lettonia, Croazia, Olanda, Lussemburgo e Irlanda.

 

“E’ scioccante che oltre metà dei Governi Ue non abbia rispettato la scadenza su un tema così importante. Ogni giorno di ritardo nel ridurre l’inquinamento atmosferico porta sempre più persone a subirne le conseguenze sulla loro salute– ha commentato Margherita Tolotto, Responsabile delle Politiche per la qualità dell’aria presso lo European Environmental Bureau – A poche settimane dalle elezioni europee, questa situazione ci ricorda perché la supervisione dell’Ue è così importante: anche su un tema cruciale come l’inquinamento atmosferico, su cui c’è una forte pressione dell’opinione pubblica, i Governi nazionali sembrano non riuscire a proporre soluzioni”.

 

>>Leggi anche Solo 6 Paesi UE mirano alle zero emissioni. L’Italia non è fra questi<<

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *