• Articolo Prato, 15 gennaio 2013
  • Progetto promosso da Anci insieme al Centro di Coordinamento RAEE

    Piccoli RAEE e hamburger, la collaborazione che non ti aspetti

  • E’ partita ieri da Prato la campagna raee@mcdonald’s per il corretto smaltimento delle apparecchiature elettriche usate

(Rinnovabili.it) – Cosa hanno in comune un cellulare rotto e un cheeseburger? Chiedetelo all’Anci che insieme al Centro di Coordinamento RAEE ha dato via ad un particolare progetto sperimentale di comunicazione proprio a partire dalla casa degli hamburger. L’obiettivo è quello di sensibilizzare i cittadini nei confronti del corretto smaltimento dei piccoli apparecchi ed elettrici ormai fuori uso. In tale contesto l’Associazione ha coinvolto il comune di Prato e una famosa catena di fast food per realizzare un’innovativa campagna sperimentale di comunicazione che culminerà venerdì 25 gennaio nel “RAEE Day”, data in cui i cittadini potranno conferire i propri “piccoli RAEE” presso il McDrive di viale Leonardo da Vinci (Declassata) ricevendo contestualmente un “buono sconto” per l’acquisto di un prodotto nel fastfood. Asm si occuperà della gestione di quanto conferito dagli utenti negli appositi contenitori all’interno del ristorante e lo trasporterà al proprio Centro di raccolta comunale.

 

“L’obiettivo principale del progetto è aumentare la quantità di Raee raccolti e smaltiti correttamente attraverso la sensibilizzazione dei giovani, che potranno così essere il veicolo di un messaggio importante – ha spiegato l’assessore Filippo Bernocchi – Le componenti tossiche dei Raee gettati impropriamente nell’indifferenziato infatti finirebbero nelle discariche, con grave danno per l’ambiente. Inoltre dal loro recupero ci possono essere notevoli ritorni economici”. In un anno in Italia circa 3500 le tonnellate di schede interne a questi piccoli elettrodomestici vengono dismesse, da cui possono essere recuperate oltre 3300 tonnellate di materiali come oro, argento, alluminio per un valore di oltre 23 milioni di euro.