• Articolo Exeter, 25 settembre 2017
  • Gli effetti del riscaldamento globale

    La plastica è arrivata ad inquinare perfino il polo nord

  • Una spedizione internazionale di scienziati ha trovato rifiuti di plastica in una zona remota dell’Oceano Artico. Un nuovo deprimente record per gli esseri umani

plastica

 

Lo scioglimento dei ghiacci porta la plastica nell’Oceano Artico

 

(Rinnovabili.it) – L’umanità può vantare un nuovo record nella sua progressiva opera di distruzione dell’ambiente. Un gruppo di scienziati, durante una spedizione nell’Oceano Artico, ha raccontato di aver trovato grossi frammenti di polistirene tra i ghiacci. Si tratta della prima, macabra scoperta di plastica in quest’area, avvenuta a soli 1500 km dal polo nord, in acque prima inaccessibili a causa degli spessi strati di ghiaccio marino.

Il team di esperti, provenienti da Regno Unito, Stati Uniti, Norvegia e Hong Kong, ha sottolineato quanto sia grave l’aver inquinato con la plastica zone così remote del pianeta. Questi rifiuti migrano per l’Artico con la fusione dei ghiacci dovuta al cambiamento climatico.

 

>> Leggi anche: L’isola più remota del mondo è una discarica di plastica <<

 

La spedizione pionieristica utilizza due yacht per navigare nelle acque internazionali dell’Oceano Artico centrale, spingendosi più in là di qualsiasi tentativo fatto in precedenza senza l’uso di navi rompighiaccio. Questo perché i tassi di fusione delle lastre sono aumentati drasticamente a causa del riscaldamento globale. Il fenomeno oggi rende il 40% dell’Oceano Artico centrale navigabile durante l’estate. Le stime individuano un inquinamento che potrebbe essere irrimediabile: si parla di 5 trilioni di pezzi di plastica che galleggiano sulla superficie degli oceani del mondo. Poterebbe essere abbastanza per formare uno strato permanente nei resti fossili che qualcuno analizzerà nel futuro.

Una delle principali preoccupazioni è che i rifiuti di plastica possano con il tempo frammentarsi in microplastiche, piccole particelle che finiscono nello stomaco degli animali marini e nel plancton, finendo per trasmettersi a tutta la catena alimentare. Le microplastiche rappresentano una minaccia per la fauna selvatica a tutti i livelli, dagli zooplancton a predatori come gli orsi polari. Con la fusione dei ghiacci, gli appetiti di numerosi governi si concentrano sulle nuove rotte commerciali che permetterebbero di bypassare il canale di Suez. Ma i rischi ambientali sono molto elevati, e non esiste una regolamentazione abbastanza stringente per evitarli.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *