• Articolo Newcastle, 16 novembre 2017
  • Diffuso un nuovo studio dell'Università di Newcastle

    La plastica ha inquinato anche la Fossa delle Marianne

  • A undici chilometri di profondità, gli organismi marini ingeriscono ancora frammenti di plastica. Un dato che dimostra una volta di più la dimensione del problema

plastica

 

Neppure le profondità marine sono libere dalla plastica

 

(Rinnovabili.it) – L’inquinamento della plastica è onnipresente. Non c’è interstizio del mondo in cui non si trovino frammenti di questo materiale ormai divenuto simbolo dell’Antropocene, l’età dell’uomo economico e del suo sviluppo dissennato.

Lo dimostra un nuovo studio, condotto dal Dr Alan Jamieson della Newcastle University, che ha trovato le prove della presenza di plastica nelle voragini più profonde dei nostri oceani. La scoperta inquietante entra a far parte di una campagna di sensibilizzazione sui rifiuti plastici nei mari del pianeta: il team ha analizzato crostacei provenienti dalla Fossa delle Marianne a quella del Giappone, da Kermadeck alle Nuove Ebridi.

Si tratta di depressioni tra i 7 e gli 11 km di profondità: nel Challenger Deep della Fossa delle Marianne, il punto più profondo, si toccano i 10.890 metri. Studiando 90 campioni, gli esperti hanno trovato che molti di loro avevano ingerito frammenti di plastica. Nella Fossa delle Marianne, tutti i crostacei ne avevano dentro di sé. In particolare, si trattava di fibre cellulosiche semi-sintetiche, come Rayon, Lyocell e Ramie, tutte utilizzate in prodotti tessili, ma anche Nylon, polietilene, poliammide o polivinili non identificati, somiglianti a PVA e PVC.

>> Leggi anche: La plastica è arrivata ad inquinare il Polo Nord <<

«Trovare fibre plastiche all’interno di animali che vivono a 11 km di profondità – ha spiegato l’autore dello studio, Alan Jemieson – mostra la dimensione del problema».

Oggi abbiamo un monitoraggio ad ampio spettro dell’inquinamento di plastica nei nostri oceani, e conosciamo gli effetti dannosi che può avere sugli organismi marini. Si stima che circa 300 milioni di tonnellate di plastica stiano viaggiando nelle acque mondiali, con oltre 5 mila miliardi di frammenti soltanto in superficie, che “vantano” un peso superiore alle 250 mila tonnellate.

Ma sebbene la maggior parte dei rifiuti marini in questo momento si trovi sopra o poco sotto il pelo dell’acqua, con il tempo il degrado e la frammentazione delle materie plastiche finiranno per andare a fondo, depositandosi sui fondali e inquinando irrimediabilmente gli habitat sottomarini. In questi luoghi, dove le correnti sono minime, i rifiuti possono sedimentare in maniera preoccupante.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *