• Articolo Bari, 27 dicembre 2012
  • Un prestito per migliorare l'approvvigionamento e la qualità dell'acqua

    Puglia: la BEi finanzia l’Acquedotto con 150 mln di euro

  • La BEI ha accordato alla AQP un finanziamento del valore di 150 milioni di euro per il miglioramento dell’infrastruttura idrica e l’adeguamento dell’offerta

(Rinnovabili.it) – E’ di pochi giorni fa la firma dell’accordo che lega la BEI allo sviluppo dell’Acquedotto pugliese. La Banca europea degli investimenti, a 13 anni dal prestito di 36 milioni alla rete idrica di Palermo, ha accordato un finanziamento del valore di 150 milioni di euro a favore della AQP (Acquedotto pugliese spa). Per la BEI era presente il Vice Presidente Dario Scannapieco, responsabile per le operazioni in Italia, Malta, Balcani Occidentali e Grecia; per Acquedotto Pugliese l’amministratore unico Gioacchino Maselli; e infine per la Regione Puglia, azionista unico di AQP, il Presidente Nichi Vendola.

 

“Con questo finanziamento sosteniamo una infrastruttura fondamentale per il Mezzogiorno italiano, un’area che è storicamente al centro delle politiche di finanziamento della Banca dell’Unione Europea”, ha commentato Scannapieco, “nelle regioni del Sud la nostra operatività si concentra, oltre che sulle grandi opere, anche nel finanziamento dei programmi operativi regionali e, in particolare negli ultimi anni, nei prestiti alle piccole e medie imprese attraverso le partnership con le banche italiane. Anche nel 2013 saremo a fianco dell’economia delle regioni del Mezzogiorno per sostenerle nel processo di uscita da questa lunga, pesante crisi”, ha aggiunto.

 

Trattamento delle acque, adeguamento della rete idrica, riduzione delle perdite, aumento della disponibilità idrica e della qualità dell’acqua aiuteranno la regione ad offrire un servizio nettamente migliore a 4 milioni di pugliesi.