• Articolo Mexico City, 8 gennaio 2015
  • Pareti speciali modellano la plastica in pellet e poi la raffreddano

    In Messico si può riciclare plastica senza l’acqua

  • Una azienda messicana ha trovato il sistema per riciclare plastica portando allo zero lo spreco d’acqua. Risparima il 50% di energia e la qualità è migliore

In Messico si può riciclare plastica senza l’acqua-

 

(Rinnovabili.it) – Si può riciclare plastica senza sprecare una sola goccia d’acqua. Lo ha dimostrato Ak Inovex, azienda messicana che ha sviluppato la nuova tecnologia. Il processo non richiede liquidi, e ha la capacità di elaborare plastiche differenti come polistirolo, PET e ABS (acrilonitrile butadiene stirene) utilizzando lo stesso tipo di macchinari.

In genere, plastica viene lavata con detersivi e poi a terra quando si trova in pezzi più piccoli o perline, che devono poi essere essiccati per cristallizzarsi. Ciò avviene esponendoli a 180° e raffreddando infine il tutto di nuovo con acqua.

 

La tecnologia sviluppata da Marco Adame, fondatore Ak Inovex, è in grado invece di trattare più del 90% di qualsiasi tipo di plastica , evita lo spreco di acqua e riduce i costi di produzione della metà senza ridurre la qualità del pellet (le perline di plastica riciclata ), evitando il passaggio attraverso stadi con forti sbalzi di temperatura.

Poiché si tratta di un metodo più semplice, richiede meno spazio e impiega la metà dell’energia. Tutto ciò rende il processo di riciclaggio più redditizio.

«Ak Inovex ha un brevetto in corso di registrazione per le tre tecnologie che si integrano nell’impianto innovativo – spiega il fondatore di Ak Inovex – Esse vengono impiegate per il raffreddamento della plastica attraverso il contatto con pareti speciali e la trasformazione in perline».

 

L’impianto di trattamento utilizza infatti pareti speciali che, al contatto, sono in grado di modellare la plastica sia nella forma desiderata (a pellet) e poi raffreddarla, al posto di un processo che impiega alte temperature e bagni d’acqua.

Il passo successivo è quello di sostituire il detersivo che viene utilizzato con un biodetergente speciale che renderebbe il processo ancora più sicuro ed economico. La società già sta collaborando con il gruppo ALINSA, specializzato nella realizzazione di prodotti per la pulizia ecologici che utilizzano prodotti chimici biodegradabili.

2 Commenti

  1. giuseppe
    Posted agosto 14, 2015 at 7:11 pm

    Mi interessa questa tecnologia Vorrei sapere come posso contattare la ak inovex

    • leonardo
      Posted febbraio 22, 2016 at 3:09 pm

      anche io vorrei contattare questa azienda.Qualcuno ci è riuscito?

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *