• Articolo Roma, 21 settembre 2012
  • Dalla Tavola rotonda sponsorizzata da Ancitel Energia e Ambiente

    Rifiuti, l’Anci chiede regole stabili per i Comuni

  • Bernocchi: “Continuare ad aumentare la tariffa è un’idea che in questo momento non si può realizzare”

(Rinnovabili.it) – Si è chiusa a Firenze la tre giorni internazionale dedicata al settore dei rifiuti e molte sono le questioni, portate sotto i riflettori dell’ISWA, a cui ora è necessario dare una risposta. Come nel caso della gestione comunale e delle difficoltà che oggi le amministrazioni locali si  trovano  ad affrontare a fronte di un piano legislativo in continuo mutamento. A dar voce al problema è il delegato Anci all’Energia e ai rifiuti, Filippo Bernocchi intervenendo alla Tavola rotonda “Gestione dei rifiuti in tempi di crisi finanziaria. Uno scenario italiano”.

Bernocchi chiede regole stabili che facilitino ai Comuni – spesso alle prese con riforme sul piano normativo, soprattutto nel settore dei servizi pubblici locali –  le operazioni di programmazione ed individuazione delle modalità di gestione e allo stesso tempo permettano “di far partire gare necessarie anche a liberare gli investimenti indispensabili a supportare anche dal punto di vista impiantistico la gestione integrata del servizio”.

Un primo passo sarebbe quello di affiancare alla direttiva quadro di settore 98/2008 una nuova pianificazione a livello regionale in maniera tale da dare certezze sulla modalità di organizzazione della raccolta rifiuti e sulla possibilità di fare gare. Altro tema cruciale quello della carenza di risorse “che mette in seria difficoltà Comuni e cittadini. Continuare ad aumentare la tariffa – conclude Bernocchi – è un’idea che in questo momento non si può realizzare, meglio puntare sulla ricerca di efficienza e sulla massimizzazione delle entrate attraverso la miglior valorizzazione dei materiali”.