• Articolo Bruxelles, 25 settembre 2017
  • Direttiva rifiuti alimentari, il Consiglio dell’UE gioca al ribasso

  • Sarà di nuovo battaglia tra Stati membri e Parlamento europeo in tema di economia circolare. Il terreno di scontro? I vincoli allo spreco alimentare

direttiva rifiuti alimentari

 

Chi rema contro la Direttiva rifiuti alimentari?

(Rinnovabili.it) – Ogni anno, nell’Unione Europea, quasi 90 milioni di tonnellate di cibo vengono gettate nella spazzatura. La colpa non può essere assegnata in maniera esclusiva ai consumatori: gli sprechi riguardano in realtà tutta la filiera agroalimentare con danni sia a livello economico che sull’ambiente.

App Sentinella di Junker

#ADV

Fra i Ventotto sono ancora pochi gli Stati ad aver disposto programmi nazionali per combattere i propri rifiuti alimentari. L’Italia (Legge Gadda) assieme alla Francia è uno dei pochi Paesi ad esser arrivato prima sulla questione attraverso una serie di misure ad hoc. Il resto dell’Europa però, sembra faticare parecchio a mettersi in linea e, a guardar bene, questo ritardo potrebbe essere frutto di una scelta consapevole.

 

>>Leggi anche Spreco alimentare, nei supermercati francesi sarà proibito<<

 

Le ultime indiscrezioni rivelate da Euractiv.com mostrano come diversi membri del Consiglio dell’Unione Europea, tra cui il Regno Unito, stiano cercando di affossare la nuova Direttiva Rifiuti Alimentari. Il provvedimento è uno degli strumenti inserito dall’esecutivo europeo  nel suo Pacchetto economia circolare. Per la prima volta Bruxelles ha riservato un posto di primo piano alla questione del food waste e il Parlamento europeo ha chiesto precisi vincoli per la riduzione di tali rifiuti: meno 30% entro il 2025 e meno 50% entro il 2030. La normativa proposta  include anche prescrizioni per aumentare il riciclo e il conferimento in discarica.

 

I documenti in discussione al Consiglio, che si riunirà domani con Europarlamento e Commissione Europea per affrontare il tema, mostrerebbero l’intenzione di demolire la maggior parte delle novità introdotte. La posizione con cui i Ventotto inizieranno i negoziati a tre sposerebbe, infatti, l’idea di abolire le scadenze specifiche, tagliando addirittura fuori dal testo i rifiuti del pre-retail (aziende e catene di approvvigionamento), l’anello della filiera a cui corrispondono gli sprechi più ingenti. Cancellata anche la proposta inserita dagli eurodeputati di una “gerarchia dei rifiuti alimentari”, in base al quale i cibi commestibili sarebbero raccolti dai venditori al dettaglio e ridistribuiti alle banche alimentari o come materia prima.

 

>>Leggi anche A Copenaghen apre Wefood, il supermarket contro lo spreco alimentare<<

 

La presa diposizione si giustificherebbe con la necessità di stabilire una metodologia concordata, prima di introdurre obiettivi vincolanti, ma i documenti hanno anche mostrato come il Consiglio sia intenzionato a fare pressioni per tagliare fuori Strasburgo dalla procedura con cui creare tale metodologia.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *