• Articolo Roma, 4 novembre 2015
  • L’Eurostat rivela le performance dei Paesi Ue

    Rinnovabili e taglio delle emissioni: la pagella dell’Italia

  • Il Paese è tra i peggiori nel taglio delle emissioni, ma ha superato l’obiettivo 2020 di riduzione dei consumi energetici e sfiora quello sulle rinnovabili

Rinnovabili e taglio delle emissioni la pagella dell’Italia 2

 

(Rinnovabili.it) – Siamo in fondo alla classifica europea del taglio delle emissioni, ma in compenso quando si parla di rinnovabili ci troviamo fra i Paesi più virtuosi. La contraddizione dell’Italia emerge in tutta la sua chiarezza dai nuovi dati Eurostat, relativi al periodo 2012-2013, che indagano i progressi fatti dagli Stati membri dell’Ue nel contrasto al climate change. L’istituto europeo di statistica, nel suo preambolo, non manca di sottolineare che l’energia, i trasporti e l’intervento umano sull’ambiente sono stati i fattori chiave del cambiamento climatico negli ultimi decenni. Per ridurre l’impatto antropico sulla natura nel vecchio continente, sono state adottate politiche europee ad hoc, che in Italia hanno funzionato così così. Il Bel Paese è ancora inserito fra i 4 maggiori inquinatori nella classifica dei 28 membri Ue, anche se si trova nell’Olimpo dei più morigerati quando si prendono in esame i dati di riduzione del consumo energetico e delle rinnovabili. Il trasporto merci su rotaia cresce, pur restando inferiore alla media europea.

 

Rinnovabili e taglio delle emissioni la pagella dell’Italia

 

In particolare, rispetto al 1990, nel 2012 la CO2 italiana era stata ridotta solo del 10,1%. Nello stesso periodo, l’Unione viaggiava su medie molto superiori (17,9%). L’obiettivo è tagliare il 20% entro il 2020. Tuttavia, siamo in buona compagnia: 10 Paesi fanno peggio dell’Italia, con le emissioni in aumento invece che in diminuzione: Malta (+56,9%), Cipro (+47,7%), Spagna(+22,5%), Portogallo (+14,9%), Irlanda (+7%), Grecia (+5,7%), Austria (+4%) e Slovenia (+2,6%).

A sorprendere in positivo, invece, sono i Paesi dell’Est e dell’area baltica, come Lettonia (-57,1%), Lituania (-55,6%), Estonia (-52,6%), Romania (-52%), Bulgaria (-44,1%), Slovacchia (-41,4%), Ungheria (-36,3%) e Repubblica ceca (-32,7%).

Rinnovabili e taglio delle emissioni la pagella dell'Italia 3In termini assoluti, i più grandi inquinatori sono Germania (965 mln di tonnellate), Gran Bretagna (615 mln) e Francia (507 mln), seguiti dall’Italia (471 mln), dalla Polonia (401 mln) e dalla Spagna (354 mln). Questi 6 Paesi contano per il 70% di tutte le emissioni europee.

 

Per quanto riguarda i consumi energetici, lo Stivale invece ha già raggiunto e superato, nel 2013, l’obiettivo 2020 (153,7 mln di tonnellate contro le 158 stabilite), sfruttando un calo generalizzato del consumo che dura da anni. Ha quasi raggiunto anche l’obiettivo sulle rinnovabili, che ci posiziona al sesto posto con il 16,7% (rispetto a un obiettivo del 17%). Bulgaria, Estonia, Lituania e Svezia hanno già superato i loro target.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *