• Articolo San Diego, 12 luglio 2016
  • Riscaldamento globale: le nuvole si stanno muovendo verso i Poli

  • L’analisi satellitare rivela: le nubi si stanno alzando e spostando verso  i poli terrestri lasciando dietro di sé zone subtropicali in espansione

http://www.nature.com/nature/journal/vaop/ncurrent/full/nature18273.html

 

(Rinnovabili.it) – Esiste una relazione fra surriscaldamento globale e cambiamenti nelle nuvole, la cui natura per molto tempo è sfuggita alla scienza. Le nubi  sono una componente chiave del sistema climatico, dal momento che intervengono direttamente nella regolazione della temperatura terrestre, ma le loro piccole dimensioni le hanno sempre rese difficili da rappresentare con precisione nei modelli climatici.

 

Per lungo tempo ci si è interrogati sulla loro imprevedibilità, domandandoci se il loro comportamento fosse davvero in linea con le predizioni climatiche. La prima risposta a questo dubbio arriva dall’Istituto di Oceanografia dell’Università della California, a San Diego. Lo studio effettuato da Joel Norris e colleghi e pubblicato ieri sulla rivista Nature, risolve in parte il mistero e mostra cosa sta succedendo sopra le nostre teste sotto la spinta dell’aumento dei gas serra.

 

Analizzando i dati arrivati in oltre 20 anni da decine di satelliti tra il 1980 e il 2000  ed eliminando alcuni errori strumentali, i ricercatori hanno scoperto che le cosiddette storm track – le piste seguite dalle perturbazioni temporalesche  – si stanno progressivamente muovendo verso i Poli mentre le zone secche subtropicali si stanno espandendo. L’ipotesi di un allargamento dei tropici era stata suggerita  nel 2004, e lo studio conferma che dai 23 gradi di latitudine di Cancro e Capricorno, si sarebbe arrivati attorno ai 40 gradi, toccando dunque anche l’Italia. Contemporaneamente, questo evento è accompagnato, a tutte le latitudini, dall’incremento della quota della copertura nuvolosa più elevata.

 

Questi dati confermano quelle che fino a ieri erano le tesi di puri modelli virtuali secondo cui queste modifiche hanno avuto luogo nel corso degli ultimi decenni come conseguenza dell’accumulo di gas serra antropici. “Ciò che questo documento porta in tavola è la prima dimostrazione credibile che i cambiamenti nelle nuvole attesi dai modelli climatici, stanno realmente verificandosi”, commenta Norris. Lo studio spiega come la copertura nuvolosa si sia ridotta nella fascia tropicale di almeno il 13% negli ultimi 25 anni. Questi cambiamenti nelle nuvole aumentano l’assorbimento della radiazione solare dalla terra riducendo di contro l’emissione degli infrarossi nello spazio. La conseguenza è ovvia: il riscaldamento globale si aggrava.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *