• Articolo Roma, 18 aprile 2012
  • Dall'idea di FareAmbiente

    Roma dà il benventuo a FareAmbiente Mare

  • Per la tutela del mare nasce FareAmbiente Mare, decisa a rafforzare il valore storico, ambientale e culturale del mare e degli altri bacini idrici del paese

(Rinnovabili.it) – E’ stato presentato stamane, alla Camera dei deputati,  FareAmbiente Mare, branca marittima del movimento ecologista europeo FareAmbiente. Gli obiettivi della neonata associazione riguardano la conservazione, la protezione e la valorizzazione dell’ambiente marino come risorsa per il paese, minacciata dall’inquinamento e dall’eccessivo sfruttamento che ne sta impoverendo gli ecosistemi e dissestando gli equilibri.

“Tutelare il nostro mare significa avere a cuore le sorti dell’ambiente, la salute dei cittadini e lo sviluppo del nostro Paese, della sua economia e del suo turismo. Ovviamente l’obiettivo della salvaguardia non può non passare per la sensibilizzazione sulle buone pratiche, a cominciare dai porti. Ben vengano dunque iniziative come quelle di FareAmbiente che, esaltando contesti correttamente gestiti sia dal punto di vista dell’organizzazione che da quello dell’etica ambientale, funzionano anche come denuncia delle situazioni da migliorare” ha dichiarato il presidente onorario di FareAmbiente Paolo Russo.

Dal presidente nazionale invece l’invito anche alla tutela dei corsi d’acqua, quindi nel caso di Roma del Tevere, rivalutandone sia l’aspetto storico che culturale oltre al valore ambientale, ha specificato Vincenzo Pepe.