• Articolo Kuala Lumpur, 10 febbraio 2016
  • Funziona solo su base volontaria

    RSPO Next, la nuova bugia sull’olio di palma sostenibile

  • La Tavola rotonda sull’olio di palma sostenibile lancia il nuovo pacchetto di standard per la certificazione. Ma si preannuncia un altro fallimento

RSPO Next, la nuova bugia sull'olio di palma sostenibile 3

 

(Rinnovabili.it) – Si chiama RSPO Next il pacchetto di standard che la Tavola rotonda sull’olio di palma sostenibile ha lanciato ieri, con lo scopo di evitare la deforestazione, la violazione dei diritti umani e ridurre le emissioni di gas serra del settore.

Costituitasi nel 2004, la piattaforma RSPO (Roundtable on Sustainable Palm Oil) riunisce 2.500 aziende, dai produttori ai commercianti, dai rivenditori agli investitori, in un tentativo – finora fallito – di rendere meno impattante la produzione. I nuovi standard, tuttavia, sembrano mancare in partenza l’obiettivo. L’adesione è infatti su base volontaria: chi non ha intenzione di sobbarcarsi un aumento dei costi potrà continuare business as usual. Questo perché RSPO ritiene impossibile, per tutti i suoi aderenti (che valgono il 20% della produzione globale), impegnarsi obbligatoriamente nelle seguenti direzioni:

– evitare di piantare filari di palme sulle torbiere o altri terreni ricchi di carbonio, che svolgono un ruolo chiave nella mitigazione dei cambiamenti climatici

– attuare politiche di prevenzione degli incendi

– ridurre le emissioni di gas serra

– pagare gli operai un salario di sussistenza

– impegnarsi nella deforestazione zero

 

 

RSPO Next, la nuova bugia sull'olio di palma sostenibile 5

 

Perché non esiste un olio di palma sostenibile

Se il rispetto di tali parametri non era – e non è tutt’ora – necessario per ottenere la prima certificazione RSPO, significa che le aziende che violano i diritti umani e provocano disastri ambientali possono comunque avere il bollino di sostenibilità. Del resto, il fallimento della piattaforma è stato messo nero su bianco da un rapporto di novembre della Environmental Investigation Agency (EIA). Nel documento si legge che i certificatori hanno spesso condotto valutazioni scadenti e incomplete, volte a truccare i documenti e assicurare ai criminali il greenwashing che andavano cercando.

Le conseguenze delle frodi ricadono sulla distruzione delle foreste e della biodiversità, alimentano conflitti sociali, il traffico di esseri umani e minacce di morte per gli attivisti.

 

L’ingrediente jolly che devasta l’ambiente

RSPO Next, la nuova bugia sull'olio di palma sostenibile 4L’olio di palma è l’olio vegetale più utilizzato al mondo: lo troviamo, secondo il WWF, nel 50% dei prodotti del supermercato, dallo shampoo alla Nutella. Grazie a questo ingrediente jolly, le multinazionali riescono ad abbattere i costi. Tuttavia, questi vengono molto spesso scaricati sull’ambiente e gli animali (ha fatto scalpore il calo spaventoso delle popolazioni di orango), nonché sul mercato del lavoro. Per l’olio di palma, l’anno scorso, in Indonesia sono stati dati alle fiamme decine di migliaia di ettari di foresta. Serviva fare (letteralmente) terra bruciata, per rimpiazzare con palme da olio gli alberi che danno ricovero a innumerevoli forme di vita. A seguito di questo disastro ambientale, si è levata in aria una coltre di fumo visibile dal satellite, che ha infettato le vie respiratorie di mezzo milione di persone e costretto scuole e aeroporti alla chiusura perfino in Malesia e Singapore. Le emissioni giornaliere provocate dai roghi hanno superato le emissioni medie quotidiane degli Stati Uniti.

In Africa, nel frattempo, i governi stanno distribuendo vaste aree di terra alle società, strappandole alle famiglie che vivono e lavorano su di esse. Con la trasformazione dei terreni agricoli in aree destinate a monocoltura della palma da olio, queste zone stanno perdendo la capacità di produrre il cibo. Le piantagioni stanno portando a una deforestazione su larga scala, e impattano sulle riserve d’acqua. La palma da olio ne ha bisogno, e quando si incontrano aree ben fornite, ricche di biodiversità e fonti di sostentamento per le comunità locali, è necessario drenarle. Le risorse idriche, inoltre, vengono contaminate dai pesticidi utilizzati nelle piantagioni.

2 Commenti

  1. luciano nannucci
    Posted febbraio 11, 2016 at 7:03 pm

    fino a che continueremo ad eleggere politici del livello di quelli attuali non ci sono speranze di miglioramento.
    le nostre società sono basate sul profitto, basti pensare alla grande considerazione che tutti dispensano a chi è ricco,indipendentemente dai mezzi usati per diventarlo, riducendo a zero la considerazione per valori quali la serietà, l’onestà ecc…
    io sono uno dei figli dell’ultima grande guerra, povertà, fame e paura ci hanno forgiato duramente inducendoci a fare le disastrose scelte che hanno generato tutto questo.
    Poveri giovani, per quanto possano essere giusti ed accorti erediteranno un mondo disastrato da Noi e non sarà facile viverci.

    • Ruggero
      Posted febbraio 16, 2016 at 11:40 am

      Temo (o forse spero) che noi giovani non avremo tanta pazienza da aspettare che il mondo sia ridotto in cenere da uomini che si beano di possedere pezzetti di carta senza valore

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *