• Articolo Bruxelles, 29 aprile 2016
  • La richiesta: più biocarburanti e mercato del carbonio

    Shell e VW provano a demolire il mercato delle auto elettriche

  • Il settore delle auto elettriche sta crescendo e l’Ue vuole incentivarlo, ma le lobby dell’industria automobilistica e petrolifera sono di parere diverso

Shell e VW provano a demolire il mercato delle auto elettriche

 

(Rinnovabili.it) – Non contente di aver frenato le politiche ambientali europee per anni, le lobby del petrolio e dell’auto si trovano nuovamente unite nella battaglia contro la mobilità sostenibile. In particolare, Volkswagen e Shell stanno cercando di bloccare la spinta dell’Unione europea verso le auto elettriche e in generale verso mezzi di locomozione più efficienti.

La strategia è semplice: le aziende ora sostengono che i biocarburanti, e non l’elettromobilità, dovrebbero essere al centro delle politiche sostenibili dell’industria.

L’UE ha in programma nuovi obiettivi di efficienza per il carburante con un balzello nel 2025 e nel 2030, nell’intento di contribuire a soddisfare le promesse fatte al vertice sul clima di Parigi lo scorso dicembre. Ma i dirigenti dei due colossi industriali hanno lanciato uno studio che propone un maggiore uso di biocarburanti, l’informazione ai consumatori sull’emissione di CO2 delle auto (etichettatura della CO2), e l’utilizzo del sistema di scambio delle emissioni dell’Unione europea (ETS).

 

Shell e VW provano a demolire il mercato delle auto elettriche 2In realtà, tale pacchetto comporterebbe la morte della nuova azione normativa sulle emissioni del settore automobilistico per i prossimi dieci anni. Le proposte di Shell e Volkswagen si basano infatti su tre soluzioni fallimentari:

  • È appurato dagli stessi documenti in mano alla Commissione europea che i biocarburanti di prima generazione inquinano più di diesel e benzina
  • È abbastanza improbabile che la grande massa dei consumatori scelga l’automobile in base alle emissioni di CO2 dichiarate in etichetta
  • Il sistema di scambio delle emissioni ha fallito su tutta la linea, trasformandosi in un sussidio indiretto che ha arricchito i grandi inquinatori invece di costringerli alla transizione energetica.

 

Se passerà la linea dei lobbisti di Shell e VW, il mercato delle auto elettriche potrebbe essere scoraggiato, proprio nel momento in cui molti Stati membri si sono convinti a varare un piano di incentivi. Di recente, l’Olanda ha affermato di voler vietare i motori a benzina e diesel entro il 2025, mentre la Germania ha varato ieri un piano di sussidi da 1 miliardo di euro per le auto elettriche e ibride.

Guarda caso, proprio da queste due nazioni vengono le grandi corporation che cercano di far saltare il banco. Volkswagen ha già un curriculum più che noto, ma sembra non aver smesso di fare pressioni sull’Europa dopo il dieselgate. Shell, invece, ha investito molto sull’etanolo ricavato dalle piantagioni brasiliane, che rubano spazio alle colture alimentari e alle foreste.

2 Commenti

  1. shark
    Posted aprile 30, 2016 at 2:38 pm

    Questi non mi fanno più nemmeno ridere. mentono sapendo di mentire ma la gente non è stupida !!

  2. Eugenia Simona Smadu
    Posted maggio 2, 2016 at 9:03 am

    Raul Gardini uno dei più importanti industriali del’indistria petrolchimica degli anni 80 in Italia aveva già proposto in avanguardia le penne in plastica biodegradabile provenienti dalla soia e le fonti rinovabili, il suo brevetto era stato acquistato è messo sotto chiave chi sa se è stato un caso il suo suicidio oppure era una conseguenza a tutto ciò, il personaggio che aveva fatto una ricerca al riguardo e creato una puntata su tutti i suicidi sospetti legati al processo “mani pulite” e pure lui sparito di scena non lo si vede più in TV, che sia un caso anche questo? In TV tutti coloro che fanno luce e portano la verità in mezzo tant’è cose futili stranamente spariscono. Siamo davvero così picoli ed insignificanti da non poter contrastare la frode dei deliquenti protetti dalle leggi e da coloro che li sostengono. Si dovrebbero dichiarare illegali tutti i monopoli sui brevetti riguardanti le energie rinovabili e sulle soluzioni che risolverebbero il problema mondiale sia riguardo alla fame nel mondo sia alle energie rinnovabili sarebbe un semplice procedimento che risolverebbe un sacco di problemi. È tutto questione di volontà.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *