• Articolo Auckland , 11 giugno 2012
  • Un incontro prima di Rio+20

    Auckland ospiterà domani l’EU-Pacific Islands Forum

  • Si svolgerà domani in Nuova Zelanda l’incontro tra Europa e Stati del Pacifico per discutere dell’imminente inizio della Conferenza Onu

(Rinnovabili.it) – Si svolgerà domani a Auckland l’EU-Pacific Islands Forum (PIF) Ministerial Meeting dove verranno affrontati numerosi dibattiti per chiarire le condizioni del paese riguardo a tematiche come i cambiamenti climatici, lo sviluppo sostenibile, la stabilità economica, la crescita, il commercio e la cooperazione allo sviluppo.

All’incontro sarà presente oltre al Commissario europeo per lo sviluppo, Andris Piebalgs, Christian Bach Friis, Ministro della Cooperazione allo sviluppo della Danimarca in rappresentanza dell’Alto Rappresentante/Vicepresidente della Commissione, Catherine Ashton.

Una parte importante del dibattito sarà riservata agli obiettivi che il paese porterà in occasione della Conferenza Rio+20, il Summit delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile che si terrà dal 20  al 22 giugno nella capitale brasiliana. In vista della riunione ministeriale, il ministro danese per la cooperazione allo sviluppo Friis Christian Bach, ha dichiarato: ”La nostra presenza qui dimostra interesse per l’espansione dell’UE e un continuo impegno nel Pacifico, come una priorità della politica estera per l’Unione europea. La nostra collaborazione ha funzionato bene, sia in termini politici e finanziari, ma possiamo ancora fare di più. In futuro, ci aspettiamo che la nostra partnership continuerà a crescere e intensificarsi. L’UE è impegnata a consolidare la propria posizione come uno sviluppo sostanziale e affidabile e partner di cambiamento climatico nel Pacifico”.

A margine dell’evento il commissario Piebalgs ha dichiarato: “L’Unione europea è un attore globale e rispetta i suoi impegni globali. Le isole del Pacifico saranno le prime a subire le conseguenze dei cambiamenti climatici, motivo per cui l’UE ha deciso di radunare il sostegno internazionale per gli sforzi di adattamento del Pacifico al cambiamento climatico. La riunione ministeriale ci dà un’altra opportunità per rafforzare la nostra partnership e portare avanti le nostre posizioni condivise a livello internazionale. Rio +20 ci darà l’opportunità di dimostrare il nostro impegno per lo sviluppo sostenibile e l’economia verde”. L’Unione europea è un attore globale e si impegna a sostenere i propri partner del Pacifico nel raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, mentre allo stesso tempo affronteremo la minaccia del cambiamento climatico, per i quali le Isole del Pacifico non hanno alcuna responsabilità diretta, ma sono i primi a subire l’impatto.

L’UE e il Pacifico sono importanti l’un per l’altro visto che i Paesi insulari del Pacifico e i relativi territori coprono una parte considerevole del pianeta e condividono le preoccupazioni dell’UE e le aspirazioni di sviluppo sostenibile. Il Pacifico e l’Unione europea vantano inoltre una partnership di lunga data e un comune interesse quando si tratta, ad esempio, di cambiamento climatico, protezione dell’oceano e altre questioni di carattere globale.