• Articolo Bruxelles, 7 febbraio 2012
  • J. Potočnik: “I rischi per il nostro pianeta sono sotto gli occhi di tutti”

    Sulla strada per Rio+20: il discorso del Commissario Potočnik

  • Per la Commissione europea, la necessaria transizione verde a livello mondiale ha bisogno di una visione globale declinata in obiettivi nazionali e locali

(Rinnovabili.it) – Una riflessione su come rendere Rio+20 un successo e sul ruolo che la società civile dovrà giocare per raggiungere questo obiettivo. Questo il punto di partenza del discorso che il Commissario europeo per l’ambiente, Janez Potočnik, ha fatto durante la conferenza che si è svolta oggi a Bruxelles presso l’European Economic and Social Committee (EESC), organizzata per capire il percorso che dovrà compiere la società civile europea sulla strada che porta verso la Conferenza Rio+20. Per Potočnik, nonostante la crescita sostenibile sia stata perseguita in modo disuguale su tutto il pianeta e le sfide che noi tutti dobbiamo affrontare siano ancora numerose, alcuni passi in avanti sono stati fatti e tanti dei problemi ambientali sono stati risolti. Ma il Commissario europeo scuote le coscienze: l’obiettivo dell’umanità deve essere la transizione verso un’economia verde, un’economica cioè che tenga conto degli aspetti ambientali, economici e sociali dello sviluppo sostenibile. Questo perché i rischi che il nostro pianeta sta affrontando sono sotto gli occhi di tutti: la minaccia del cambiamento climatico è già presente in molti tra i Paesi più poveri del mondo, la perdita di biodiversità sta mettendo a rischio foreste e praterie, gli oceani stanno diventando sempre più acidi, la pressione sulle risorse idriche è sempre più elevata. Se non si invertono alcune tendenze, ha sottolineato Potočnik, quando la popolazione mondiale raggiungerà i 9 miliardi di persone nel 2050 il legame tra la resilienza ecologica e quella economica potrà solo crescere; ma con il giusto mix di strumenti, questa transizione verde può diventare una reale opportunità economica e di crescita per tutti. La Commissione europea sta investendo molto su Rio+20 e sta lavorando duramente per conseguire risultati concreti. “Affinché questa transizione verde abbia successo – ha detto Potočnik – dovremo accordarci su una visione globale e stabilire obiettivi comuni, con un’azione che dovrà essere condotta a livello nazionale e locale”. Per Potočnik Rio+20 è un’occasione da non perdere. “Ci aspettiamo un accordo concreto per portare avanti un approccio globale sostenuto da obiettivi reali – ha dichiarato – sulla base di una ben definita serie di obblighi comuni e di una governance capace di monitorare questo processo”.