• Articolo Bruxelles, 19 settembre 2017
  • Taglio emissioni: la Corte dei Conti UE chiede maggiori progressi

  • Secondo il revisore nel prossimo decennio occorrerà aumentare del 50 % gli sforzi annualmente compiuti per ridurre le emissioni

corte dei conti

 

 

(Rinnovabili.it) – È essenziale che l’Unione europea intraprenda interventi efficaci per affrontare i cambiamenti climatici. A dirlo stavolta non un’associane ambientalista o la frangia verde della politica comunitaria, bensì la Corte dei Conti europea, l’ente che controlla che i fondi UE siano raccolti e utilizzati correttamente. Secondo un nuovo lavoro pubblicato dal revisore, sul fronte della lotta climatica servono ulteriori miglioramenti. Nuovi sforzi da mettere in campo, a cui accostare anche una condivisa politica di adattamento, opzione ormai imprescindibile qualsiasi sia l’obiettivo emissivo raggiunto.

 

“L’UE deve tagliare le emissioni di gas a effetto serra – spiega Phil Wynn Owen, il Membro della Corte – ed anche adattarsi ai cambiamenti climatici. Le proiezioni attuali indicano la necessità di realizzare ulteriori progressi nella riduzione delle emissioni di gas a effetto serra per conseguire gli obiettivi stabiliti per il 2030 e il 2050”.

 

L’analisi presenta un quadro d’insieme degli interventi dell’UE, sottolineando una serie di nodi  da risolvere. A partire dal comparto della produzione e l’uso di energia, oggi responsabili del 79 % delle emissioni di gas a effetto serra in Europa. Le tecnologie rinnovabili, nonostante gli indubbi progressi soffrono ancora rapporto costi-efficacia insoddisfacente. Problemi di cui soffre anche il settore dell’efficienza energetica. Dai principali audit finora svolti dalla Corte dei conti e dalle istituzioni superiori di controllo nazionali dell’UE, risulta anche che il passaggio a trasporti a basse emissioni di carbonio non sta progredendo a sufficienza.

 

Le politiche messe in campo e quelle in via di definizione (si pensi al pacchetto energia pulita per tutti) hanno bisogno dunque di sforzi aggiuntivi, di un approccio olistico e soprattutto di una visone comunitaria condivisa dai Ventisette. Secondo la Corte, infatti, i target e gli obiettivi dell’UE per la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra entro il 2030 e il 2050 non verranno raggiunti se non vi sarà un maggiore e significativo impegno in tal senso. E tutti i settori economici dovranno contribuire.

 

“Per raggiungere i target per il 2030, nel prossimo decennio occorrerà aumentare del 50 % gli sforzi annualmente compiuti per ridurre le emissioni. Il cambiamento più significativo, tuttavia, sarà richiesto dopo il 2030, quando il tasso di riduzione delle emissioni dovrà superare i livelli storici di tre o quattro volte per raggiungere l’obiettivo fissato per il 2050”.

Su cosa si dovrà lavorare? L’analisi panoramica del revisore individua sette principali sfide: governance dell’energia e dei cambiamenti climatici, elaborazione e attuazione delle politiche sulla base di dati concreti, transizione energetica, efficace utilizzo di ricerca e innovazione, pianificazione e gestione dell’adattamento, finanziamento, coinvolgimento dei cittadini dell’UE.

 

“Per l’UE e gli Stati membri  – continua Owen – sarà anche una grande sfida anticipare e pianificare correttamente l’adattamento, in modo da ridurre la necessità di reagire agli eventi, adottando azioni tardive che comporterebbero maggiori costi”, ha dichiarato dei conti europea responsabile della relazione.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *