• Articolo Saint John's, 19 luglio 2019
  • Disastro a largo di Terranova: piattaforma offshore sversa 12 mila litri di petrolio

  • L’incidente durante le operazioni di routine di pulizia di un serbatoio: un mix di acqua e petrolio si sarebbe riversato in mare generando una macchia traslucida larga almeno 5,6 chilometri.

piattaforma offshore sversamento petrolioLa piattaforma offshore Hibernia è in comproprietà tra ExxonMobil, Chevron, Suncor ed Equinor

 

(Rinnovabili.it) – ExxonMobil ha reso noto lo sversamento di petrolio grezzo da una piattaforma offshore a largo dell’isola canadese di Terranova, nel nord dell’Atlantico: secondo quanto rivelato dalla compagnia petrolifera, un mix di acqua e petrolio di circa 3.200 galloni (poco più di 12 mila litri) si sarebbe riversato in mare durante le operazioni di pulizia di uno dei serbatoi della piattaforma Hibernia.

 

A fornire i dati sulla quantità di petrolio sversato e sull’estensione della macchia d’olio sono stati gli stessi vertici della Hibernia Management and Development Company (HMDC): secondo i primi report, la macchia traslucida a largo di Terranova si estenderebbe per un raggio di almeno 3,5 miglia nautiche (circa 5,6 chilometri) ma non avrebbe causato danni alla popolazione di grandi cetacei e mammiferi caratteristica della zona.

 

“Siamo dispiaciuti che lo sversamento sia capitato, ma stiamo lavorando diligentemente per minimizzare l’impatto ambientale – ha dichiarato il Direttore di HMDC, Scott Sandlin – Abbiamo chiesto alle imbarcazioni di monitorare e ripulire la macchia traslucida e di sorvegliare un’area di 10 miglia nautiche in ampiezza a partire dal sito originario della fuoriuscita”.

 

>>Leggi anche Fermato dopo 14 anni lo sversamento di petrolio della piattaforma Taylor Energy<<

 

La piattaforma Hibernia è in comproprietà tra ExxonMobil, il principale investitore, Chevron, Suncor e Equinor: attiva dal 1997, estrae petrolio da un deposito sottomarino d’idrocarburi la cui capacità stimata dovrebbe eccedere gli 1,2 miliardi di barili.

 

Già a fine 2013, la piattaforma Hibernia sversò in mare almeno 6 mila litri di petrolio grezzo. Come allora, le attività di estrazione sono state interrotte in via preventiva.

 

Lo sversamento della Hibernia, seppur relativamente contenuto, arriva a peggiorare la situazione di un’area già compromessa: a novembre 2017, la piattaforma petrolifera Husky Energy sversò nel mare del Labrador almeno 250 mila litri di petrolio grezzo, in quello che, al momento, è considerato il peggior disastro ambientale della regione.

 

>>Leggi anche Disastro nell’isola patrimonio Unesco: sversato in mare un carico di bauxite<<

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *