• Articolo L'Aquila, 18 gennaio 2016
  • Mossa suicida del Pd abruzzese

    Trivelle in Adriatico: la Regione Abruzzo da No Triv a Sì Triv

  • Un’inversione a U nel pieno dell’autostrada. Ecco l’incredibile capriola dell’Abruzzo, che da promotore è divenuto contrario al referendum sulle trivelle

Trivelle in Adriatico la Regione Abruzzo da No Triv a Sì Triv

 

(Rinnovabili.it) – Per promuovere il referendum sulle trivelle c’era stato un voto dell’intero Consiglio regionale, per tradirlo invece si è presa una strada potenzialmente illegittima. La Regione Abruzzo ha dato fondo al suo campionario di stratagemmi per uscire dal blocco dei proponenti la consultazione: il consigliere delegato abruzzese, Lucrezio Paolini, ha ritirato infatti la delega al professor Stelio Mangiameli a seguito di una decisione assunta dalla Giunta all’insaputa del Consiglio. Il gesto ha fatto insorgere i movimenti No Triv, che quel referendum se lo erano visti appoggiare anche dalla Giunta di Luciano D’Alfonso, poi ricondotta a più miti consigli dal disappunto di Renzi.

Nessun atto ufficiale del Consiglio regionale, dunque. Ma un documento non ufficiale esiste: riporta la data dell’11 gennaio, e il parere di 18 consiglieri di maggioranza, che avrebbero chiesto di non sollevare il conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato innanzi alla Corte Costituzionale.

 

Enzo Di Salvatore, coordinatore No Triv

Enzo Di Salvatore, coordinatore No Triv

«In Abruzzo ormai siamo a questo – scrive Enzo di Salvatore, costituzionalista e coordinatore del movimento No Triv – A un pezzo di carta in luogo di una delibera del Consiglio regionale, firmato dai soli consiglieri di maggioranza, con il quale si “autorizza” il rappresentante del Consiglio regionale a non agire a tutela del referendum davanti alla Corte costituzionale. La critica che è stata mossa in questi ultimi giorni alla decisione della Giunta regionale abruzzese di uscire dal “fronte” referendario non riguarda il referendum in sé, ma il rispetto della Costituzione e del principio democratico: se la Regione ha intenzione di uscire, e di far affossare persino il referendum No Triv, è comunque tenuta a seguire la strada che il diritto le prescrive».

 

Intanto il silenzio assordante degli assessori abruzzesi è indice di come le comunicazioni in tema trivelle siano ridotte al minimo per evitare altre figuracce. È da più di un mese che non si hanno dichiarazioni del sottosegretario alla Presidenza della Giunta, Mario Mazzocca. Il 5 dicembre dichiarava fiero i meriti della sua Regione rispetto al parere favorevole della Cassazione sui referendum No Triv. Le sue parole, riprese da Il Centro, erano esattamente queste: «È evidente che tale risultato è stato raggiunto anche grazie alle varie iniziative da noi intraprese. Ora si entra nella fase della concretezza, per la quale auspichiamo che venga dato massimo rispetto al voto popolare dei cittadini per fermare la deriva petrolifera del nostro territorio e del nostro mare. Noi, come sempre, siamo pronti».

A cambiare casacca.

3 Commenti

  1. Monica Pilolli
    Posted gennaio 18, 2016 at 4:29 pm

    A Onor del Vero, a quanto risulta dal documento firmato che sta girando pubblicamente sul web e a cui tutti i giornalisti possono attingere, non risulta alcuna firma del sottosegretario Mazzocca con delega all’Ambiente e non risulta sia stato coinvolto nella consulta. Per cui, non si capisce bene di quale cambio di casacca stiate parlando, dato che l’Arch.Mazzocca è punto di riferimento imprescindibile delle associazioni ambientaliste abruzzesi. Dosare bene le parole prima di chiosare in modo denigratorio senza approfondire le dinamiche di politica interna. Grazie !

    • Nicola Venere
      Posted gennaio 18, 2016 at 8:06 pm

      Forse meglio rileggere più attentamente. Nell’articolo non è riportato da nessuna parte che il sottosegretario Mazzocca sia stato coinvolto nella consulta. Anzi è facile leggere proprio il contrario! E il cambio di “casacca” è riferito alla Regione non certo al sottosegretario, mi pare evidente, fraintendere apposta le parole mi sembra piuttosto inutile

    • Valentina
      Posted gennaio 18, 2016 at 8:40 pm

      Ma dove leggi la denigrazione???? Mica c’è scritto che è stato lui a cambiare rotta e neanche lo lascia intendere. E’ abbastanza chiaro che il discorso sia riferito alla Regione e non a Mazzocca, il cui lavoro svolto sotto il fronte ambientale è sotto gli occhi di tutti e indiscutibile.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *