• Articolo Roma, 9 ottobre 2012
  • Un convegno tenutosi stamane in Senato

    Trivelle d’Italia: le associazioni ambientaliste contro le estrazioni petrolifere

  • In Senato Legambiente, WWF e Greenpeace hanno chiarito le ragioni del proprio dissenso alla diffusione delle piattaforme petrolifere chiedendo l’abrogazione dell’art. 35 del “Cresci Italia”

(Rinnovabili.it) – Le associazioni ambientaliste dicono no alle perforazioni dei fondali marini. E’ questo il messaggio che fa da sfondo all’iniziativa di Legambiente, WWF e Greenpeace quantomai unite nella lotta alle perforazioni petrolifere in mare. Per questo le tre associazioni ambientaliste hanno scritto al ministro Passera chiedendo di interrompere il finanziamento all’estrazione e al consumo di fonti fossili e suggerendo di cancellare l’articolo 35 del decreto “Cresci Italia”. L’articolo 35 infatti mette a rischio un’ampia superficie  marina, più grande della Sicilia, che le tre associazioni hanno voluto porre al centro del convegno tenutosi stamattina al Senato intitolato “Trivelle d’Italia”, organizzato per mettere in luce i problemi ambientali ed economici legati a una tale scelta sottolineato inoltre le scarse riserve di petrolio presenti in Italia.

 

Il pericolo del decreto Cresci Italia risiede, secondo le associazioni, nell’estensione fino alle 12 miglia della zona off limits sottoposta alle nuove richieste di estrazione di idrocarburi in mare. Il conteggio delle miglia, inoltre, parte ora dalle linee di costa e non più dalla linea di base, e includendo quindi golfi e insenature mette a rischio ampie zone di mare, porzioni delle acque territoriali italiane anche all’interno delle fasce d’interdizione introdotte nel giugno 2010 a tutela delle aree protette. Da queste specifiche potrebbe derivare il via libera ad almeno 70 piattaforme di estrazione petrolifera, che andrebbero a sommarsi alle 9 già attive per un totale di 29.700 kmq di mare tra Adriatico centro meridionale, Canale di Sicilia, mar Ionio e golfo di Oristano, praticamente una superficie più grande della Sicilia.

“Nonostante il prodotto estratto sia poco e di scarsa qualità, l’Italia è una sorta di paradiso fiscale per i petrolieri: estrarre idrocarburi nel nostro Paese è vantaggioso solo perché esistono meccanismi che riducono a nulla il rischio d’impresa, mettendo però ad alto rischio l’ambiente. Ad esempio, le prime 20 mila tonnellate di petrolio prodotte annualmente in terraferma, come le prime 50 mila tonnellate di petrolio estratte in mare, i primi 25 milioni di metri cubi di gas in terra e i primi 80 milioni di metri cubi in  mare sono esenti dal pagamento di aliquote allo Stato. Ma non è finita qui. Le aliquote (royalties) sul prodotto estratto sono di gran lunga le più basse al mondo e sulle 59 società operanti in Italia nel 2010 solo 5 le pagavano (ENI, Shell, Edison, Gas Plus Italiana ed ENI/Mediterranea idrocarburi)” si legge nel comunicato stampa diffuso dalle associazioni.