• Articolo Bruxelles, 19 dicembre 2012
  • Un'intesa tra Banca Mondiale ed Europa

    Ue: acqua ed energia per il bene dell’Asia centrale

  • Un impegno, quello tra l’Ue e la banca Mondiale per favorire lo sviluppo di progetti di crescita nel settore idrico ed energetico dell’Asia centrale

(Rinnovabili.it) – L’Ue e la Banca Mondiale hanno unito le forze per sviluppare nuovi progetti idrici ed energetici in Asia centrale. L’annuncio dell’intesa è arrivato oggi dal Commissario europeo per lo Sviluppo, Andris Piebalgs, annuncerà una sovvenzione alla Banca Mondiale Multi Donor Trust Fund (MDTF) a sostegno di acqua e di energia.

 

L’accordo che verrà firmato nei prossimi giorni affronterà anche temi delicati tra cui le possibili aree di cooperazione la partecipazione della Banca Mondiale nel Fondo investimenti per l’Asia centrale (FIAC), che fornisce assistenza finanziaria ai governi dei paesi partner e permette alle istituzioni pubbliche di effettuare investimenti altrimenti proibitivi. Il commissario Piebalgs ha dichiarato: “Sono felice di vedere che la cooperazione tra l’Unione europea e la Banca mondiale in Asia centrale si è intensificata negli ultimi anni. L’accordo di oggi si basa sui nostri valori comuni e conferma la nostra volontà di rendere il nostro lavoro insieme ancora più efficace. Il rinnovato impegno di concentrarsi su settori come l’acqua e l’energia è in linea con le nostre priorità, e mi auguro che, lavorando insieme con i nostri partner, saremo in grado di fare più di una differenza in Asia centrale.”

L’impegno della Banca mondiale in questa regione è attualmente focalizzata su tre paesi – Kirgizstan, Tagikistan e Uzbekistan, mentre dell’MDTF concentra l’attenzione soprattutto sul miglioramento della governance globale e sullo sviluppo a lungo termine di un settore energetico sostenibile in Tagikistan.