• Articolo Bruxelles, 18 gennaio 2019
  • Ue, inquinanti a bassa concentrazione nelle acque: rischio “effetto cocktail”

  • La European Environment Agency plaude agli sforzi fatti per limitare i prodotti più inquinanti ma sollecita anche nuovi studi sulle possibili combinazioni tra agenti tossici comuni e scarti naturalmente presenti nelle acque

inquinanti acque ue

Il Rapporto sullo stato di laghi e fiumi europei lamenta scarsezza di dati riguardo l’impatto di prodotti inquinanti a bassa tossicità (ma a grande diffusione)

 

(Rinnovabili.it) – L’agenzia europea per l’Ambiente (EEA) ha pubblicato un report sullo stato di salute di laghi, fiumi e in generale acque di superficie sul suolo comunitario: nonostante gli ottimi risultati prodotti dalla limitazione nell’uso di inquinanti altamente tossici, il rapporto lamenta una preoccupante carenza di informazioni riguardo il possibile “effetto cocktail” di agenti chimici a basse concentrazioni.

 

Nel 2000 la Commissione europea aveva approvato una direttiva (Water Framework Directive) per il monitoraggio e la limitazione dei maggiori agenti inquinanti nelle acque interne e costiere degli Stati membri: di qui, si sono ottenuti ottimi risultati nel ridurre le concentrazioni di mercurio (fino a una ventina di anni fa largamente utilizzato nella realizzazione di termometri, pile e vernici), bromuro (impiegato soprattutto per la costruzione di materiali ignifughi), cadmio, piombo, nichel e pesticidi fortemente tossici come clorfenvinfos e simazina.

Ciò che rimane oscuro, tuttavia, sono le possibili combinazioni di prodotti autorizzati dalla direttiva (e quindi presenti singolarmente in basse concentrazioni) e largamente impiegati per uso privato, agricolo o industriale (anche sotto forma di inquinamento atmosferico, come segnalato dagli esperti dell’EEA).

 

Presenti in concentrazioni minime e singolarmente non pericolosi per la salute, questi prodotti chimici, una volta introdotti nel sistema idrico, possono mixarsi con sali minerali e detriti organici naturalmente presenti nell’ambiente o ancora con nutrienti di acque di scolo, scarti della produzione agricola e altre acque residue generando cocktail possibilmente tossici la cui portata è ancora tutta da studiare.

 

>>Leggi anche Tutela delle acque, Living Rivers: “Vogliono distruggere la normativa europea”<<

 

Di qui la chiamata a raccogliere nuovi dati sullo stato d’inquinamento delle acque europee: un monitoraggio che ha portato lo scorso anno alla pubblicazione di un report (EEA State of Water Report) che segnalava come solo il 38% dei bacini osservati raggiungeva gli standard di qualità fissati dalle direttive comunitarie. Obiettivo: mettere a disposizione degli Stati europei strumenti aggiornati per proteggere la salute delle proprie acque territoriali (anche adottando le strategie dei Paesi virtuosi in tema di tutela idrica), incrementare i dati sull’inquinamento proveniente da diverse fonti e sviluppare modelli di gestione che riflettano gli studi scientifici più recenti.

 

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *