• Articolo Londra, 13 marzo 2012
  • Un concorso del DECC della durata di 4 anni

    Uk: l’innovazione nel CCS riceve 20 mln di sterline

  • Dal Dipartimento per l’Energia e il Cambiamento Climatico l’invito a sperimentare componenti tecnologiche innovative ed economiche che accelerino la diffusione del CCS sul territorio

(Rinnovabili.it) – Il Segretario britannico all’Energia, Edward Davey, ha lanciato un concorso del valore di 20 milioni di sterline e della durata di 4 anni per finanziare lo sviluppo dell’innovazione tecnologica nel settore della cattura e stoccaggio dell’anidride carbonica (CCS). Gli interessati dovranno sviluppare componenti migliori, più economiche e innovative rispetto a quelle presenti sul mercato per la costruzione di un impianto pilota su larga scala. Il Regno Unito ritiene infatti che, attraverso lo sviluppo della tecnologia CCS, il paese possa raggiungere con tranquillità gli obiettivi relativi alla riduzione degli inquinanti e all’innalzamento della temperatura globale. Le innovazioni potranno successivamente essere introdotte nella catena di fornitura dell’Uk, riducendo il costo della costruzione degli impianti di cattura e stoccaggio e per la futura distribuzione sul mercato nazionale per un settore il cui valore stimato è pari a 6,5 miliardi entro il 2020.

Questo concorso andrà quindi ad aggiungersi al già noto impegno nel settore dichiarato dal governo a fine febbraio nell’ambito del programma di commercializzazione del DECC.

“La tecnologia Carbon Capture and Storage giocherà un ruolo vitale nel garantire lo sviluppo di un mix energetico a bassa intensità di carbonio. Stiamo contribuendo a creare una nuova industria nel Regno Unito e siamo in buona posizione per diventare un leader mondiale. Il primo impianto pilota di cattura del carbonio del Regno Unito, aperto a Ferrybridge lo scorso anno, è uno dei primi esempi di ciò che significa il CCS in termini di occupazione e di crescita. Più di 20 aziende del Regno Unito hanno preso parte al progetto fornendo servizi. Con il supporto del settore ricerca e sviluppo, questo concorso da 20 milioni è un passo importante per rendere realmente i costi del CCS competitivi entro il 2020”.

Jeff Chapman, CEO di Carbon Capture and Storage Association, ha dichiarato “Il CCS ha il potenziale per effettuare riduzioni massicce delle nostre emissioni nazionali di CO2 in un rapporto di costo-efficacia. Questo finanziamento nel settore R&S è il benvenuto, è adatto ad ottimizzare la tecnologia, a ridurre i costi e a posizionare il Regno Unito in una situazione altamente competitiva sui mercati mondiali”.