• Articolo Perivale, 11 ottobre 2011
  • Un impegno firmato BIC e TerraCycle

    Uk, penne e pennarelli avranno una seconda vita

  • Un nuovo programma per la riduzione dei rifiuti invita scuole e uffici a raccogliere penne, pennarelli ed evidenziatori per provvedere al riciclo e al riuso dei materiali

(Rinnovabili.it) – Lunga vita a penne, pennarelli ed evidenziatori esausti! Dalla collaborazione tra il colosso delle penne biro BIC e TerraCycle è nato il progetto che potrebbe portare alla costruzione nel Regno Unito del primo impianto di riciclo per strumenti di scrittura .

Grazie ad un intenso programma di comunicazione la BIC sta infatti invitando scuole e uffici del paese a raccogliere la cancelleria affinchè possa essere riutilizzata o riciclata. Le penne utilizzate possono infatti essere riciclate e trasformate in vari altri oggetti tra cui innaffiatoi, portapenne, e cestini per i rifiuti. Inoltre, per ogni penna recuperata BIC donerà due punti, che potranno essere trasformati in penny donati alle scuole o a scelta ad una associazione di beneficienza. “Siamo lieti di collaborare con TerraCycle a questo progetto nel Regno Unito. La scrittura e il disegno sono una parte fondamentale del dello sviluppo creativo dei bambini così come l’eduzione allo smistamento dei rifiuti” ha dichiarato Yolande de Trogoff, il manager britannico del marketing BIC.

“Con il supporto di un marchio conosciuto come BIC saremo in grado di insegnare sia ai bambini che ai genitori l’importanza della conservazione delle risorse, del riciclaggio e dell’uncycling utilizzando le penne” ha concluso Chris Baker, general manager di TerraCycle.