• Articolo Londra, 19 ottobre 2011
  • Un impegno per migliorare l'efficienza di PMI e consigli d'amministrazione

    Uk: per le PMI 12 best practies per riciclare

  • Al fine di aumentare la quota di rifiuti accolti e riciclati, il Regno Unito propone una nuova iniziativa e suggerimenti per agire al meglio contribuendo alla salvaguardia dell’ambiente

(Rinnovabili.it) – Una nuova iniziativa britannica sta spronando i consigli locali e le piccole imprese a firmare un progetto con lo scopo di migliorare l’accesso ai servizi di riciclaggio.

Secondo i dati rilasciati dal governo le PMI britanniche producono in media 30 milioni di tonnellate di rifiuti all’anno raggiungendo e superando tassi di riciclo del 50%. Tuttavia numerose lamentele si stanno diffondendo: le PMI denunciano infatti la scarsa accessibilità a convenienti sistemi di riciclaggio, il che li porta a scegliere di gettare via materiali che altresì potrebbero essere riciclati e riutilizzati.

La Business Waste and Recycling Services Commitment ha annunciato oggi la collaborazione con la Local Government Association (LGA) e con la Federazione delle Piccole Imprese per affrontare le problematiche denunciate dalle PMI e migliorare l’accesso ai servizi di riciclaggio.

Compilato dopo una serie di incontri tra LGA e FSB e mediati dal Defra (Dipartimento per gli affari rurali) il documento contiene un elenco di 12 best practies che le amministrazioni dovrebbero adottare per migliorare i risultati della raccolta differenziata.

“Questo accordo porterà  il sollievo necessario alle piccole imprese che vogliono fare la cosa giusta , ma che stanno ancora cercando di avere un buon servizio di riciclaggio”, ha detto il ministro del riciclaggio Lord Taylor. “Per la prima volta abbiamo raggiunto un solido accordo tra Comuni e imprese per rendere più facile e più efficace per le PMI riciclare di più e migliorare l’efficienza delle risorse”.