• Articolo Napoli, 5 settembre 2012
  • K4C, "Knowledge Centre on Cities and Climate Change"

    UNEP: il futuro del mondo in un database online

  • UNEP, Cities Alliance, UN-Habitat e World Bank hanno lanciato il primo portale che risolverà i problemi generati dal rapporto tra Città e Cambiamento Climatico

(Rinnovabili.it) – Il futuro delle nostre città sarà consultabile online. Non è uno slogan pubblicitario, ma il progetto scaturito dall’accordo tra quattro grandi colossi internazionali che, in occasione del 6° World Urban Forum in corso a Napoli in questi giorni, hanno annunciato la creazione del primo portale online esclusivamente dedicato allo sviluppo delle Città ed ai problemi connessi al Cambiamento Climatico. UNEP (United Nations Environment Programme), Cities AllianceUN-Habitat (the United Nations Human Settlements Programme) e la Banca Mondiale: questi i nomi degli artefici del progetto presentato per la prima volta a Napoli, battezzato “K4C”, Knowledge Centre on Cities and Climate Change.

Un database online completo delle innumerevoli conoscenze oggi a nostra disposizione per garantire un miglioramento della qualità della vita delle nostre città, partendo da quei fattori che prima di altri influenzano lo sviluppo degli insediamenti urbani ovvero l’acqua, l’energia, il cibo, il trasporto, le  nuove costruzioni ed il problema dei rifiuti. Tutte le informazioni contenute in K4C saranno consultabili dagli utenti e dai governi locali, secondo una politica eco-friendly anche nella consultazione dei progetti, rendendo l’accesso al portale il più semplice ed efficace possibile.

“Le città oggi ospitano più della metà della popolazione mondiale e l’ambiente urbano rappresenta una grande opportunità per passare velocemente ad un sistema a basse emissioni di carbonio e ad un efficiente impiego di risorse legato alla Green Economy. Innumerevoli soluzioni sono già state testate ed utilizzate da città di tutto il mondo; K4C contribuirà ad assicurare che le migliori fra queste idee possano essere condivise e prese ad esempio dalle amministrazioni locali e dagli attori chiave, al fine di concretizzare i risultati di Rio+20 ed accelerare lo sviluppo del progetto Future We Want”, ha affermato Achim Steiner, direttore esecutivo dell’UNEP e sottosegretario generale delle Nazioni Unite.

Tre i punti chiave su cui si sviluppa K4C: la libreria online che consente di accedere ad una vasta gamma di documenti collegati alle principali tematiche ambientali e di sviluppo urbano; la mappa interattiva del Mondo che offre agli utenti la possibilità di scoprire quali iniziative e progetti sono stati promossi per migliorare l’adattamento al cambiamento climatico e le strategie di mitigazione delle varie città e una panoramica degli esperti e degli istituti che si occupano della realizzazione dei progetti legati alle città, lasciando la possibilità anche ai singoli cittadini di caricare informazioni inerenti ad iniziative personali o legate all’ambito cittadino. Ultimo ma non meno importante è il supporto delle quattro grandi istituzioni che, con la creazione di questo portale hanno permesso di superare il problema della diffusione di informazioni “generiche” e solitamente troppo superficiali, inevitabilmente legato al mondo del web.

Una condivisione delle informazioni a 360° innescata grazie ad un processo di collaborazione internazionale, unica strada possibile per raggiungere i grandi obiettivi prefissati e risolvere i numerosi problemi legati ai cambiamenti climatici che influenzano lo sviluppo urbano.