• Articolo Washington, 27 marzo 2012
  • In arrivo regole dure per le centrali a carbone americane

    USA, in arrivo i primi limiti emissivi per le centrali elettriche

  • L’Environmental Protection Agency è sul punto di rilasciare pubblicamente e per la prima volta vincoli alle emissioni di gas serra per il comparto energetico statunitense

(Rinnovabili.it) – Per tutto sembrerebbe esserci una prima volta, anche per il comparto elettrico statunitense che a breve si troverà a fare i conti con i primi limiti emissivi. Fino ad oggi, infatti, il settore si è trovato “fortunatamente” esentato dalle norme, note come Source Performance Standards, che regolano l’inquinamento di categorie quali,ad esempio, la produzione di vetro, cemento e pneumatici. Secondo le ultime indiscrezioni, l’amministrazione Obama potrebbe presentare già questa stessa mattina attraverso l’Agenzia di protezione Ambientale EPA le misure di regolamento delle emissioni climalteranti di tutte le nuove centrali elettriche del paese, alimentate a gas naturale o carbone. E proprio per quest’ultima fonte si prevedono gli standard più rigidi. Vista anche la possibilità di affiancare alle centrali a carbone impianto per la cattura e sequestro della CO2, l’EPA potrebbe addirittura stabilire che il comparto dimezzi di netto le proprie emissioni.

Gli ambientalisti, delusi dalla decisione del presidente lo scorso settembre di ritardare una norma fondamentale in materia di smog, hanno risposto soddisfatti alla notizia dei nuovi standard di inquinamento. “Il fatto essenziale per il nostro paese è che l’energia pulita spazzerà via il dannoso inquinamento, proteggerà i nostri figli e contribuirà a garantire un futuro sicuro e prospero”, ha dichiarato Vickie Patton, del consiglio generale per l’Environmental Defense Fund. Le regole riguarderanno solo i nuovi impianti, escludendo quelli esistenti.