• Articolo Ramsar, 2 febbraio 2018
  • Le zone umide alla sfida dell’urbanizzazione

  • Oggi è il World Wetlands Day, dedicato alla relazione tra città e zone umide, con l’obiettivo di offrire tutela e gestione sostenibile di questi ecosistemi fragili e fondamentali

zone umide

 

L’aumento della popolazione urbana pone la sfida delle zone umide

 

(Rinnovabili.it) – Le città e la natura hanno una relazione difficile. All’espansione delle prime, corrisponde un ritiro e una sofferenza di quest’ultima. La pressione di fattori come l’aumento della popolazione urbana e la crescita economica minacciano severamente gli ecosistemi e la fauna selvatica. Le zone umide sono particolarmente a rischio: considerate in passato aree sostanzialmente inutili, da drenare e bonificare per l’uso umano, oggi sono drasticamente ridotte. Nel 1971 il mondo si è accorto della loro importanza per l’equilibrio ambientale e climatico, e un gruppo di governi ha siglato in Iran la Convenzione di Ramsar, con l’obiettivo di tutelarle e assicurare su questi delicati ecosistemi. L’Italia l’ha recepita nel 1976 e il 2 febbraio 1997 è stata istituita la prima giornata mondiale delle zone umide (World Wetlands Day).

Oggi quella ricorrenza compie 21 anni: la Convenzione è stata sottoscritta da 169 paesi e ha permesso di censire 2299 zone umide sul pianeta, per oltre 225 milioni di ettari.

Il World Wetlands Day 2018 si concentra proprio sulla relazione tra città e aree umide, cercando di offrire uno scenario a lungo termine per programmare politiche di gestione sostenibili. Oggi 4 miliardi di persone vivono nelle aree urbane, quasi il 50% della popolazione mondiale. Nel 2050 si stima che questa quota salirà al 66%, aumentando la pressione antropica sull’ambiente.

 

>> Leggi anche: L’Europa verso un futuro di alluvioni ormai inevitabile <<

 

Una popolazione urbana in rapida crescita comporta enormi sfide per i gli urbanisti. Devono garantire che le città possano offrire non solo servizi di base come l’alloggio, i trasporti e l’acqua, ma anche che siano sicure, resilienti e ecologiche. Per questo, nel 2018 la giornata mondiale delle zone umide sottolinea la necessità di proteggere questi ecosistemi e integrarli al meglio nella pianificazione, poiché indispensabili a rendere le città più vivibili.

zone umideLe zone umide urbane rappresentano un importante fattore di mitigazione dei cambiamenti climaticiassorbono le precipitazioni in eccesso, riducendo le inondazioni e prevenendo i disastri. L’abbondante vegetazione funge anche da filtro per i rifiuti domestici e industriali, contribuendo a migliorare qualità dell’acqua. Infine, queste aree offrono alle città spazi verdi ricreativi, in cui ritrovare benessere e svago. 

Salvare le zone umide dalla desertificazione è l’imperativo della Convenzione di Ramsar: cambiamento climatico, inquinamento ed effetto serra, oltre alla caccia e all’introduzione di specie alloctone in numerose aree hanno depredato e ridotto questi cuscinetti di biodiversità. Solo in Italia le zone umide offrono rifugio a 192 specie di uccelli, il 31% di tutte quelle che vivono nel nostro paese.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *