• Articolo Perugia, 12 giugno 2012
  • Dal 15 al 17 giugno a Perugia

    “Festival dell’Energia” per ripartire

  • Tre giorni dedicati all’Energia, che vedranno Perugia protagonista di sostenibilità, per un futuro migliore

(Rinnovabili.it) – Mancano solo quattro giorni all’inaugurazione del Festival dell’Energia di Perugia, dal sottotitolo L’Energia Spiegata, che si terrà a partire da venerdì 15 fino a domenica 17 giugno. Giunto alla sua quinta edizione, il Festival è promosso da Aris (Agenzia di Ricerche Informatiche e Società), in partnership con FederUtility e il patrocinio della Regione Umbria, la Provincia e il Comune di Perugia. Oltre 40 gli appuntamenti che animeranno il centro storico del Capoluogo umbro e che spazieranno da sessioni istituzionali rivolte ad esperti e agli addetti ai lavori a dibattiti, talk-show, presentazioni di libri, attività ludiche per bambini e divulgazione per il grande pubblico. Tra i temi trattati la trasparenza in bolletta, la lotta allo spreco e il settore energetico sotto ogni suo aspetto. In programma anche mostre e spazi espositivi che riguarderanno la sostenibilità energetica, oltre alle visite guidate agli impianti di Archimede Solar Energy di Massa Martana e la centrale idroelettrica di Galleto nel Ternano. Tutte le iniziative, che caratterizzeranno il Festival, ruoteranno intorno al concept “Energia per Ripartire”.

“Oggi come non mai, nel nostro paese l’energia è uno strumento per promuovere il futuro”, ha sottolineato il Ministro dell’Ambiente Corrado Clini, nel corso della presentazione del Festival, “Un futuro in cui il rilancio dell’economia passi attraverso un impiego più razionale e sostenibile delle risorse, in cui le città siano più intelligenti ed efficienti e in cui l’innovazione divenga il driver  alla base delle scelte della politica e dell’impresa. Proprio in questa prospettiva, il Festival dell’Energia rappresenta un’importante opportunità per rafforzare una nuova consapevolezza presso l’opinione pubblica, senza la quale non è immaginabile operare trasformazioni positive del sistema paese”.