• Articolo Davos, 25 gennaio 2012
  • Porte aperte fino al 29 gennaio

    Al via la 42esima edizione del World Economic Forum

  • Nell’edizione 2012 del WEF fari puntati sulla crescita economica con attenzione alla sostenibilità e allo sviluppo per la riduzione delle disuguaglianze

(Rinnovabili.it) – Si è aperta stamane a Davos, nel cuore delle Alpi svizzere, la 42esima edizione del World Economic Forum, che si concluderà il prossimo 29 gennaio.

L’edizione 2012, intitolata ‘La Grande Trasformazione: sviluppare nuovi modelli’ vedrà la partecipazione di circa 40 Capi di Stato oltre a imprenditori di spicco internazionale e rappresentanti delle maggiori organizzazioni. A rappresentare l’Italia, oltre al Presidente della Banca Centrale d’Europa, Mario Draghi, il Governatore di Bankitalia Ignazio Visco, il ministro dello Sviluppo Corrado Passera e la Presidente di Confindustria Emma Marcegaglia impegnati in diversi appuntamenti inaugurati dal discorso del cancelliere tedesco Angela Merkel.

Il Forum rispecchierà quindi la necessità di trovare soluzioni alle problematiche innescate dalla crisi economica cercando di rivedere i cardini del capitalismo, che forse non sono più adatti alla gestione della situazione e che dovrebbero puntare alla crescita cercando di ridurre le disuguaglianze. Tra gli elementi cardine per una crescita economica vantaggiosa la necessità di fare sempre di più con meno citando così uno dei cardini della sostenibilità, che punta al progresso nel rispetto dell’ambiente. Nodo da sciogliere anche il rapporto tra alimentazione, energia e ambiente, settori in stretto contatto che determinano ognuno il benessere dell’altro e insieme quello del pianeta. Per analizzare tali questioni saranno a disposizione sessioni su energia pulita, acqua, agricoltura, finanza verde, trasporto sostenibile e città intelligenti con la possibilità di realizzare nuove green partnership.