• Articolo Napoli, 11 marzo 2013
  • “Basta, Napoli è nostra!”

  • Domenica 10 marzo 10.000 persone hanno partecipato al Flash Mob organizzato sui social network per esprimere la propria indignazione dopo l’incendio doloso di Città della Scienza

(Rinnovabili.it) – Metti insieme l’incendio doloso di uno dei luoghi simbolo della cultura napoletana, la rabbia e l’indignazione di un cittadino comune e un social network. Il risultato? Un Flash Mob con la partecipazione di migliaia di persone scese in strada a manifestare, tra cui anche giornalisti, esponenti politici e artisti. È accaduto domenica 10 marzo, sullo stradone di Coroglio, davanti all’ingresso di quel che rimane di Città della Scienza.

 

Un unico filo conduttore: la voglia di riscatto, il desiderio di gridare al mondo che Napoli non si arrende. Protagonisti assoluti della manifestazione sono stati i bambini delle scuole elementari, gli stessi che fino a qualche giorno prima affollavano la grande area espositiva, partecipando ad attività ricreative e di educazione scientifica. A guardarli ora, increduli davanti all’entrata dell’edificio ridotto in cenere, con il volto “dipinto” di nero carbone e in mano cartelloni di protesta “Rivogliamo il nostro Museo”, fa un certo effetto.

Alle 12 è iniziato il vero e proprio Flash Mob: i partecipanti hanno gridato “Basta!” per un minuto intero contro tutti coloro che stanno depredando Napoli e le sue tradizioni culturali e sociali. Migliaia di palloncini bianchi sono stati lanciati in cielo in segno di speranza, intonando poi tutti insieme le note della canzone simbolo “A città ‘e Pullecenella”. Quella parte sana e propositiva di Napoli ha dimostrato domenica che “non ci sta” a soccombere. Una cosa è certa: hanno preso coscienza di non essere soli. Ora l’obiettivo è uno solo: restituire alla Città quella piccola gemma dedicata al sapere.