• Articolo Milano, 19 aprile 2012
  • Il 20 e 21 Aprile si terrà il secondo forum "RI.U.SO. Casa e Città per disegnare un futuro possibile"

    Costruttori, Architetti, Ambientalisti: Unitevi!

  • Ance, Consiglio degli Architetti e Legambiente per la prima volta insieme per lanciare il “Programma Nazionale di rigenerazione urbana sostenibile” e rilanciare il settore.

(Rinnovabili.it) – Dopo il notevole successo della prima tappa di Roma del Forum “Ri.U.SO.01 – Città e Rigenerazione urbana” organizzato da Ance, Legambiente e CNAPPC l’appuntamento si sposta a Milano il 20 ed il 21 aprile, in occasione del Salone Internazionale del mobile.

Per la prima volta insieme, architetti, costruttori ed ambientalisti, hanno fortemente voluto questo importante evento, quale momento di confronto e discussione con i diretti rappresentanti delle Istituzioni, dell’economia e della politica, della filiera dell’edilizia e con gli investitori, per arrivare alla definizione delle strategie e degli strumenti che conducano alla realizzazione di nuove politiche urbane, basate su una profonda innovazione culturale e capaci di superare le ormai obsolete separazioni tra architettura e urbanistica, tra quartiere e megalopoli, tra governanti e governati.

Con la prima tappa romana, svoltasi alla presenza del Ministro dello Sviluppo Economico e delle Infrastrutture e Trasporti, Corrado Passera e al Vice Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Mario Ciaccia, si è cercato di trasmettere un messaggio chiaro e puntuale, sull’esigenza ormai divenuta indispensabile, di creare un Piano città, destinato a controllare l’espansione incondizionata degli agglomerati urbani, non più in un ottica regionale, ma a grande scala.

La seconda giornata dell’evento Ri.U.SO “Casa e Città per disegnare un futuro possibile”, vedrà la presenza di importanti figure nel campo dell’architettura, accanto ai rappresentanti delle Istituzioni Governative. Il Convegno di Milano sarà dedicata alla “città nuova” che dovrà essere “pianificata coniugando la necessità di preservare il territorio e mettere un serio freno al consumo di suolo, con un progetto di sviluppo e di trasformazione urbana  improntata alla manutenzione, alla riqualificazione energetica degli edifici e a garantire ambienti urbani più vivibili, più verdi e più adeguati alle esigenze dei cittadini”.

In occasione del convegno sarà inoltre presentato il Rapporto Cresme sullo stato del Patrimonio edilizio e delle Città analizzato sotto il profilo della sicurezza, del consumo energetico, della compatibilità ambientale e della qualità dell’habitat urbano. Verranno inoltre prospettate le condizioni tecniche, normative e finanziarie necessarie all’attivazione di un Programma nazionale di rigenerazione urbana sostenibile che, nella consapevolezza delle condizioni reali delle finanze pubbliche, proponga strumenti in grado di attivare realmente il credito e le partnership con i privati, oltre che avviare  concreti interventi volti a rigenerare e valorizzare le città e le case degli italiani.

“Architetti, costruttori ed ambientalisti sono fortemente convinti che la riqualificazione organica e strutturata del patrimonio immobiliare del nostro Paese rappresenti una priorità per garantire la qualità e la sicurezza dell’habitat per i cittadini e per promuovere i valori culturali del territorioitaliano. Può anche costituire un importante volano economico per il settore delle costruzioni, incentivando la ricerca e l’innovazione tecnologica”.

Molto più che un convegno dunque quello organizzato da Ance, CNAPPC e Legambiente, che potrebbe rappresentare un’importante occasione per rilanciare anche sotto il profilo economico il Paese, aprendoci alla scala europee per adottare significativi provvedimenti che garantiscano la rigenerazione delle città, dove per altro si produce l’80% del PIL nazionale.