• Articolo Roma, 25 novembre 2015
  • Forum Qualenergia?, Galletti: chiederemo sforzo maggiore a COP21

  • Inaugurata questa mattina a Roma l’ottava edizione del Forum QualEnergia?. Dal palco il ministro dell’ambiente illustra le politiche energetiche del Governo anche in previsione della COP 21

Forum Qualenergia?, Galletti: chiederemo sforzo maggiore a COP21

 

(Rinnovabili.it) – Si è aperta oggi a Roma l’ottava edizione del Forum QualEnergia?, l’appuntamento dedicato al panorama energetico, organizzato da Legambiente, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club. E con il vertice ONU ormai alle porte, il Forum non poteva non entrare in merito alla questione “COP21”, ultimo appuntamento sull’agenda della lotta al climate change per portare a casa un impegno vincolante sui gas serra.

 

“Parigi – ha commentato il Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti nella prima sessione di lavori del Forum – sarà il luogo delle scelte globali, del nuovo modello di sviluppo per il pianeta”. Un appuntamento imperdibile su quale il ministro ammette di non sentirsi né ottimista, né pessimista. La parola che usa è piuttosto “realista” . “Ci sono 163 Paesi – spiega Galletti – che hanno presentato il proprio contributo per ridurre le emissioni, ma secondo le previsioni queste azioni comporterebbero un innalzamento delle temperature di 2,7 gradi, ben di più, quindi, rispetto all’obiettivo di contenere l’aumento entro 2 gradi. Come Italia e come Europa chiederemo pertanto di fare uno sforzo maggiore rispetto agli impegni presi”.

 

D’altra parte l’Unione Europea –  e con lei il BelPaese – una scelta sull’impegno da profondere l’ha già compiuto come dimostra il pacchetto clima energia 2030  e la nuova direttiva in materia di economia circolare che sarà presentata a breve a Bruxelles. “Lo strumento di cui il nostro paese si doterà per mettere a regime questa trasformazione del sistema economico, una volta che nei prossimi mesi sarà compiutamente definito il quadro di riferimento europeo, sarà il Green Act”. Il provvedimento servirà a definire il processo di adattamento della realtà economica ed ambientale nazionale alla sfida globale oggi in atto.

“Sono convinto – ha concluso Galletti – che, dopo la conferenza di Parigi sul clima e dopo le direttive sulla circular economy e sulla politica fiscale ambientale, l’economia cambierà. A quel punto sarà utile avere una cabina di regia sull’energia alla Presidenza del Consiglio”.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *