• Articolo Milano, 14 dicembre 2011
  • Presentata oggi a Milano la II edizione del "Rapporto GreenItaly 2011"

    Green jobs: aumentano i settori verdi dell’economia italiana

  • Negli ultimi 3 anni, circa 370mila imprese hanno investito o investiranno in tecnologie “verdi” facendo registrare 227mila assunzioni nel 2011

(Rinnovabili.it) – Un vero e proprio “boom” di settori verdi che attraversa ed innova sia i comparti tradizionalmente ambientali dell’industria italiana che le aree produttive più ‘mature’ della nostra economia – è questo in sintesi, il dato più interessante fornita dalla seconda edizione del Rapporto GreenItaly 2011 presentato oggi a Milano da Symbola e Unioncamere, che ha analizzato diversi aspetti legati agli investimenti e alle assunzioni green compiute dalle aziende tra il 2008 e il 2009. Secondo lo Studio – presentato da Symbola e Unioncamere alla 21esima edizione di JOB&Orienta – negli ultimi 3 anni, il 23,9% delle imprese (circa 370mila imprese, di cui 150mila industriali e quasi 220mila di servizi) ha investito o investirà in tecnologie e prodotti “verdi”, ridistribuendo equamente nel Paese, dal nord al sud, un’“occupazione sostenibile” per il 38% dei casi(227mila assunzioni su un totale di circa 600mila nel 2011). Di queste assunzioni, circa la metà vengono prevalentemente ricondotte ai classici green jobs: dal settore delle energie rinnovabili e la tutela dell’ambiente, fino all’efficienza energetica, la mobilità e l’edilizia sostenibile.

Tra le aree di lavoro verdi con il più alto tasso occupazionale, il settore del green-building (dati 2011 alla mano) si colloca al primo posto con il 70% delle assunzioni programmate, seguito in buona parte dall’industria manifatturiera (con oltre il 50% dei collocamenti). E ancora: l’auditor esperto in emissioni di gas serra, lo statistico e il risk manager ambientale, l’operatore marketing delle produzioni agroalimentari biologiche, il progettista di architetture sostenibili e l’esperto del ciclo di vita dei prodotti industriali, sono alcune delle “nuove” professioni più ricercate nell’ambito della green economy italiana. “Sotto le ceneri depositate della crisi arde la brace della green economy” – ha spiegato durante la presentazione odierna Ermete Realacci (presidente di Symbola). Quello che emerge nella ricerca che oggi presentiamo – prosegue Realacci – ci dice che la green economy, a maggior ragione nel grave periodo che stiamo vivendo, è una delle strade principali per rilanciare, su basi nuo­ve e più solide, l’economia italiana.” Anche per il Segretario generale di Unioncamere Claudio Gagliardi, “l’innovazione, la qualità e la sostenibilità rappresentano tre valori che consentono di rendere i prodotti italiani unici e non riproducibili, di fare efficienza puntando sulla creatività delle risorse umane e sull’uso responsabile delle risorse naturali”.