• Articolo Roma, 8 maggio 2012
  • È in corso la quarta edizione dell’ITALIAN PV SUMMIT

    Il mercato solare non abbasserà la testa

  • Nel 2012 il settore del fotovoltaico mondiale continuerà a mostrare un andamento discreto. Prosegue il calo dei prezzi sull’intera filiera

(Rinnovabili.it) – I tagli che i maggiori sistemi incentivanti il solare stanno subendo, non intaccheranno la crescita del fotovoltaico mondiale. Anche questo 2012 il settore continuerà seppure con trend più discreti, ad avanzare in termini di potenza installata, al punto da far ipotizzare un mercato di quasi 27 GW anche per l’anno in corso. A disegnare questo quadro previsionale è l’Italian PV Summit, roadmap to grid parity, l’appuntamento internazionale che da quattro anni precede l’apertura della tredicesima edizione della mostra-convegno internazionale Solarexpo. La due giorni veronese non poteva capitare in un momento più delicato e al tempo stesso complesso per il comparto del solare, oggi in piena fase di transizione verso l’età matura e la grid parity, come sottolineato da Paolo Frankl, capo della divisione Energie Rinnovabili dell’International Energy Agency (IEA), che ha aperto i lavori della conferenza.

Secondo i dati emersi dalla prima giornata dell’Italian PV Summit, i due mercati leder, vale a dire Germani e Italia, continueranno ad influenzare la domanda seppure con modalità differenti.

“In Germania si prevede che il mercato avrà volumi pressoché simili a quelli del 2010 e 2011, con circa 6,9 GW, – ha piega Stefan De Haan, analista di IHS grazie soprattutto a una spinta nella seconda parte dell’anno e un’accelerazione del mercato per l’edilizia residenziale e commerciale che in alcuni casi, grazie al crollo dei prezzi, potrà avvicinarsi alla grid parity (prezzo del kWh prodotto dal sistema FV uguale o inferiore a quello acquistato dalla rete)”.

Anche per il Belpaese si profila una circostanza simile in alcuni segmenti di mercato, nonostante nel corso di questo 2012 si preveda una riduzione della potenza istallata (circa 2,5 GW). A mantenere il comparto “in una posizione più in linea di galleggiamento con l’attuale overcapacity”, secondo De Haan sarà la domanda della Cina (oltre 4 GW) e degli Stati Uniti (circa 3,5 GW), a cui si aggiungerà quella di Giappone (quasi 2 GW) e India (più di un GW), insieme ad altri più piccoli mercati emergenti. Tutt’altro discorso quello relativo ad offerta e prezzi; quest’ultimi hanno segnato un vero picco storico nel 2011, con i moduli al silicio che hanno operato un taglio del 45% tra il primo trimestre 2011 e il primo del 2012 pronti a toccare lo 0,60 €/W entro la fine dell’anno e le celle il cui calo è stato addirittura valutato del 58%. Ancora più ampi i decrementi per i wafer (-63%) e per il polysilicon (-65%). Una riduzione drammatica che secondo Stefan De Haan dovrebbe però potersi stabilizzare a fine 2012.